adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Dolor y gloria

sabato 1 Giugno, 2019 | di Elvira Del Guercio
Dolor y gloria
In sala
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

Splendori nell’erba
I film non sono la vita, ma devono il potere che hanno su di noi al fatto che in qualche modo sono come la vita, al pari di ogni genere di finzione, letteraria o cinematografica che sia. La riflettono, ricreano, anche rinvigorendola, a volte. La vita nelle mani di un narratore, di un regista: un rifrangersi continuo di sentimenti, tempi, dolori e gioie. Tanto più se è la vita dello stesso autore ad essere rappresentata, o meglio, trasfigurata, traslata in un’altra dimensione, favolistica, racconto di sé che è poi racconto di (e per) tutti.

Ecco quindi la mise en abyme, caleidoscopica matrioska in cui Pedro Almodóvar squaderna tutto il suo universo, Dolor y gloria, dolori e glorie, di carni e anime dissipate nel tempo, materia viva e pulsante, la sua e quella dei suoi fantasmi. In questo senso l’esordio è programmatico, con la chirurgica disamina delle malattie e nevrosi che hanno da sempre accompagnato il protagonista, Sebastian Mallo, insieme a una geografia sentimentale e anatomica che si compenetrano. Che abbia tutte le caratteristiche di un lascito non è dato saperlo né importa. Dolor y gloria è piuttosto la raggiunta completezza e maturità artistica di un regista e del “suo” attore – gli afflati sospesi in cui Antonio Banderas soffoca ogni gesto, pianto, gemito, ironia sono memorabili e gli sono infatti valsi una Palma d’oro – che insieme ci dicono di un trapasso a un’altra età, quando il cinema, l’arte, la poesia, e per metonimia la vita stessa, non li si può più amare come prima, perduto l’inganno, il desiderio, lo “splendore nell’erba” tuttavia ancora evocato. E l’immagine cinematografica è pertanto un frammento che riceve luce da ancora altre immagini, memorie recuperate a tratti, “fiammate” come per il protagonista di un famoso romanzo di Umberto Eco, e il ritratto di Sebastian Mallo da bambino ritrovato per caso in una sala d’attesa, su cui trema appunto un’ininterrotta riflessione sul tempo, sul visibile, sulle sue ferite e dolori trascorsi, su un’auspicata armonia.
Dolor y gloria è girandola offuscante e vertiginosa di volti e figure tangibili e non del cinema di Almodóvar. La carica dirompente dell’elemento femminile è ad esempio sintetizzata nella figura della madre, l’ossessione amorosa nel ritorno, in entità quasi di sogno, fantomatica, a teatro, in lacrime, del protagonista del monologo autobiografico che alla fine Sebastian Mallo cede a un attore che aveva in passato consacrato. Almodóvar ha costruito una storia facendo in modo che il suo orologio battesse in un mondo o più mondi (gli intermezzi del suo passato da sognati a reali) che non hanno orologi, all’insegna del tempo della finzione, elastica, per cui è stato possibile ritornare su di sé e sulla propria memoria, far coincidere tutto. Affermazione di libertà con la magia della creazione, del cinema. Il cinema ha così funzione balsamica, così come lo sono le lacrime, quelle di Marco, protagonista di Parla con lei, l’uomo che non trattiene le lacrime mentre Caetano Veloso canta Cuccurucucu Paloma, o del personaggio di Leonardo Sbaraglia mentre assiste all’evocazione del suo passato, e infine quelle di Sebastian, e di Almodóvar stesso, ci piace pensare, magari alla fine dell’anteprima a Cannes.

Dolor y gloria [id., Spagna 2019] REGIA Pedro Almodóvar.
CAST Antonio Banderas, Penélope Cruz, Asìer Etxeandía, Leonardo Sbaraglia, César Vicente, Cecilia Roth, Raúl Arévalo, Pedro Casablanc.
SCENEGGIATURA Pedro Almodóvar. FOTOGRAFIA José Luis Alcaine. MUSICHE Alberto Iglesias.
Melodramma, durata 113 minuti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly