adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Le lacrime amare di Petra von Kant (1972)

sabato 27 Luglio, 2019 | di Juri Saitta
Le lacrime amare di Petra von Kant (1972)
Premio Sergio Amidei
0
Facebooktwittergoogle_plusmail
Voto autore:

38° Premio “Sergio Amidei”, 18 – 24 luglio 2019, Gorizia

L’amore e il potere
Il cinema ha più volte affrontato i rapporti di potere presenti nelle relazioni di coppia con film che ne hanno scandagliato i diversi aspetti, quali per esempio l’interscambiabilità dei ruoli tra dominatore e dominato e la volontà masochistica di essere in balia del proprio partner.

Vanno in tale direzione titoli anche molto differenti tra loro, come l’elegante e raffinato Il filo nascosto di Paul Thomas Anderson, il morboso Eva di Joseph Losey e il claustrofobico Le lacrime amare di Petra von Kant, pellicola che Rainer Werner Fassbinder trasse da un suo dramma teatrale.
Qui la protagonista è, appunto, Petra von Kant, una stilista di successo che s’innamora perdutamente della giovane Karin, aspirante modella che la donna inviterà a vivere in casa sua. Pur non provando gli stessi sentimenti della protagonista, la ragazza accetterà la proposta, sfruttando però l’amore di Petra solo per fini utilitaristici e materiali, facendola così soffrire terribilmente. Il tutto sotto gli occhi di Marlene, la silenziosa e obbediente domestica della stilista.
Risulta evidente che nella relazione tra Petra e Karin emerge con forza la tematica citata inizialmente, con la particolarità che in tal caso i rapporti di potere non si basano – come invece spesso avviene – sulle condizioni socioeconomiche dei soggetti, quanto sulla passione e sul desiderio: qui chi ama di più e con maggior ardore è destinato a essere sottomesso. Infatti, anche se Petra è avvantaggiata rispetto a Karin sotto il profilo professionale e finanziario, alla fine sarà lei a cedere a ogni capriccio e a ogni desiderio della modella, spingendosi fino all’umiliazione. Questo perché – da un punto di vista psicologico e sentimentale – è la stilista ad aver bisogno della ragazza, non il contrario: è Petra che desidera Karin, è Petra che la ama, è Petra che non riesce a vivere senza la giovane. Questioni espresse ed evidenziate tramite un’atmosfera malsana e claustrofobica, resa tale da scenografie colme di oggetti, manichini e affreschi, che – oltre a rendere soffocante il climax generale – hanno delle funzioni semantiche e drammatiche tese a sottolineare i rapporti (gerarchici, ma non solo) tra i personaggi. Tutti elementi che emergono grazie anche alla regia di Fassbinder, che punta molto su inquadrature dalla lunga durata e in profondità di campo, utili a mostrare la disposizione – pure questa funzionale alla drammatizzazione e alla significazione – delle figure nello spazio.
Scelte formali che – unite a una narrazione scandita in atti e alla recitazione innaturale delle attrici – da un lato denunciano l’origine teatrale della pellicola, mentre dall’altro contribuiscono a raffreddare una vicenda di per sé forte e sopra le righe, mostrando così la tendenza dell’autore tedesco a scarnificare il mélo per trarne i suoi significati più pregnanti e rilevanti. Punti che rendono Le lacrime amare di Petra von Kant un’opera esemplificativa tanto del filone tematico inizialmente citato quanto della poetica fassbinderiana, con la sua attenzione verso i rapporti di forza, la sua vicinanza al teatro e la sua volontà di raffreddare un genere passionale come il melodramma.

Le lacrime amare di Petra von Kant [Die bitteren tranen der Petra von Kant, Repubblica Federale Tedesca 1972] REGIA Rainer Werner Fassbinder.
CAST Margit Carstensen, Hanna Schygulla, Irm Hermann, Katrin Schaake, Eva Mattes.
SCENEGGIATURA Rainer Werner Fassbinder (tratta dal suo dramma omonimo). FOTOGRAFIA Michael Ballhaus. MUSICHE Giuseppe Verdi, The Platters, The Walker Brothers.
Drammatico, durata 124 minuti.

Le lacrime amare di Petra von Kant (1972)
4 1 80%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly