adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Wasp Network

giovedì 5 Settembre, 2019 | di Francesco Grieco
Wasp Network
Festival di Venezia
1
Facebooktwittermail
Voto autore:

76. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia, 28 agosto – 7 settembre 2019 , Lido di Venezia

Il tradimento degli eroi
È una coproduzione internazionale Wasp Network di Olivier Assayas, a cui il brasiliano Rodrigo Teixeira della RT Features ha offerto la regia del progetto, dopo aver acquistato i diritti del libro di Fernando Morais Os Últimos Soldados da Guerra Fria.

È una storia (vera) di spie cubane castriste, tradimenti e menzogne, ambientata negli anni successivi alla caduta del muro di Berlino, quando i tentativi di far cadere Fidel Castro non esitarono a sfociare nel vero e proprio terrorismo. Assayas, confermando perlomeno la grande versatilità di regista a suo agio tanto con i sentimenti quanto con l’azione, racconta la vicenda con un occhio all’intrigo narrativo, alle scene violente, alla spy story tradizionale, e l’altro alle tormentate dinamiche famigliari e relazionali dei protagonisti. A questo proposito, interessante notare come sia proprio il diverso legame con la partner a differenziare Gonzalez e Roque. L’arrivo dei due piloti cubani negli Stati Uniti e la determinazione con cui si fanno strada professionalmente sembrano destinarli a una sorte simile. Ma Roque abbandona la moglie Ana, incinta, per tornarsene a Cuba e in tv dichiara che la cosa che gli mancherà di più di Miami è la sua Jeep Cherokee. Gonzalez, invece, pur avendo scelto di lasciare da sole a Cuba, per molto tempo, la moglie Olga e la figlioletta Irma, pare in qualche modo conservare un legame affettivo con la sua famiglia e mira, idealismo e strategia politica permettendo, a un ricongiungimento duraturo, sia pur continuamente rimandato.
In questo film corale, scritto in modo da privilegiare il racconto degli eventi, nella loro reazione a catena, l’approfondimento psicologico dei protagonisti non sembra la principale preoccupazione dell’autore. Proprio per questo, dalla manipolazione dei personaggi da parte della sceneggiatura, dal flusso vorticoso degli accadimenti che li travolgono, si salva solo qualche primo piano di Penélope Cruz, l’unica tra gli interpreti ad aggiungere emotività e sensibilità al gioco controllatissimo dei campi, controcampi e dei movimenti di macchina.
Se apparentemente appare come uno dei film meno personali di Assayas, però Wasp Network contiene in sé alcuni degli elementi cardine della sua poetica: la preferenza per una rappresentazione realistica, il tema della continua transizione, del movimento imperterrito, e l’interesse per le epoche più inclassificabili, come quella che stiamo vivendo, quelle che raccolgono i cocci di grandi costruzioni ideologiche, culturali, dell’umanità, ormai crollate (qui l’equilibrio mondiale USA-URSS). Le immagini degli attentati terroristici degli anticastristi e delle imbarcazioni che trasportano i profughi cubani in fuga ricreano un passato che ci appare, nella sua crudeltà, sin troppo vicino.

Wasp Network [id., Francia/Spagna/Brasile/Belgio 2019] REGIA Olivier Assayas.
CAST Edgar Ramírez, Penélope Cruz, Wagner Moura, Ana de Armas, Gael García Bernal.
SCENEGGIATURA Olivier Assayas. FOTOGRAFIA Yorick Le Saux, Denis Lenoir.
MUSICHE Eduardo Cruz.
Spionaggio, durata 123 minuti.

One Comment

  1. Gipis says:

    Estetica da spot pubblicitario

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly