adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Padrone dove sei

sabato 8 Febbraio, 2020 | di Eleonora Degrassi
Padrone dove sei
Festival
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

31° Trieste Film Festival, 17-23 gennaio 2020, Trieste

Il racconto di un naufragio totale

Il corpo, il sesso, il piacere. Un naufragio. Naufragare; è questo il verbo che costruisce e su cui si fonda la poetica di Padrone dove sei, il film di Carlo Michele Schirinzi, storico dell’arte e artista che va ben oltre il cinema, in concorso nella sezione Premio Corso Salani alla 31^ edizione del Trieste Film Festival.

L’autore autarchico, sincero e personale ( la morte della madre ) porta lo spettatore vicinissimo al corpo, nel momento dell’estasi, tra liquidi seminali, organi sessuali, ma anche tra arte, schizzi realizzati a china dallo stesso Schirinzi e musica. Ci sono le immagini di Google, le citazioni, i video “rubati” da YouTube che si fanno sguardo sul passato e sull’arte, e c’è il dolore che strappa le carni e che emerge dalle materne mani guardate su un letto d’ospedale. Padrone dove sei riflette sulla visione e sul gesto artistico, sulla composizione e sulle combinazioni tra materia e sublime, tra carnalità e “divino”, corporeità e natura. “A mia madre” è la dedica, che sembra a prima istanza incomprensibile, quasi “blasfema”, con cui si apre il lavoro, che diventa poi una riflessione sul corpo, sulla masturbazione, sulla “carezza”, sull’(auto)estasi e sulla disperazione. E su molto altro ancora perché il film di Schirinzi ha molteplici genesi e tanti livelli, lampi e folgorazioni ma anche profonde e intime riflessioni. La morte della madre è ciò che fa rivalutare la masturbazione: se durante l’adolescenza la masturbazione è carezza, protesi dell’amore materno, la mancanza di colei che rappresenta tale gesto ne è la negazione. “La tua assenza è un assedio” (Piero Ciampi) è una delle frasi che costruisce il magma narrativo di questo intricato percorso: statue in estasi, icone rock, dettagli di carne, liquido e pioggia. Bataille, Bene, Deridda, Angela da Foligno si mescolano e creano qualcosa di misterioso, estatico e “pornografico” nella concezione di Baudrillard, talmente vicino da perderne i contorni. Ogni forma è senza forma, i contorni si fanno più rarefatti e al centro ci sono pulsione, disperazione, visione di qualcosa che è miraggio. Padrone dove sei non “concede” boe, è un naufragio totale: e così come per il santo anche per l’uomo, nell’accecamento, l’occhio va dentro e perde acqua tanto da «lavarsi gli occhi». Padrone dove sei tocca a distanza, rompe gli equilibri e nello stesso tempo li ricostruisce, è un’opera che (si) tocca, di suoni e parole disperate, di sguardi dentro “alla ricerca di” e pura materia da sfiorare, è “pietra che diventa carne che diventa pietra (che diventa lacrima che diventa sperma)”. È un corpo narrativo e visuale che respinge e cattura, è un occhio che inonda e si inonda con qualcosa di incontrollabile e intimo che parte dal corpo per sublimarsi nell’arte.

Padrone dove sei [Italia, 2019] REGIA Carlo Michele Schirinzi.

CAST Salvatore Bello, Matteo Gravante, Francesco Cottone, Julie Seagull

SOGGETTO Carlo Michele Schirinzi; SCENEGGIATURA Carlo Michele Schirinzi; FOTOGRAFIA Carlo Michele Schirinzi; MUSICA Carlo Michele Schirinzi, Hamid Mirzaee, Salvatore Bello, Stefano Cosi; MONTAGGIO Carlo Michele Schirinzi. 

Drammatico, durata 82 minuti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly