adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Progress in the Valley of the People Who Don’t Know

domenica 9 Febbraio, 2020 | di Eleonora Degrassi
Progress in the Valley of the People Who Don’t Know
Trieste Film Festival
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

Una fabbrica per raccontare

Sassonia. Passato e presente si fondono e diventano specchio l’uno dell’altro. 30 anni di distanza, eppure la storia inesorabile si ripete. Il tempo è passato, eppure, nonostante tutto, l’Uomo è sempre uguale a se stesso. 

Fortschritt im Tal der Ahnungslosen di Florian Kunert, il film presente nella sezione Time will tell della 31a edizione del Trieste Film Festival, dimostra questo. Kunert racconta la fine della Cortina di Ferro, l’eredità che essa ha lasciato, mostrandoci ciò che siamo oggi, puntando il suo sguardo sulla fabbrica Fortschritt. La fabbrica, un tempo luogo in cui costruivano mietitrici, ora è rifugio dei richiedenti asilo che si scontrano con lo sguardo, il pregiudizio, l’ostilità della gente.

Fortschritt è punto su cui tutto si costruisce, è centro narrativo, reale, storico e vibrante che aiuta il regista e lo spettatore a vedere, a capire e a capirsi. Kunert, con il suo documentario sottile ma estremamente doloroso, è in grado di mostrare come sia spesso complicato abituarsi, quando si incontrano persone diverse, all’altro. 

Nella Repubblica Democratica Tedesca (DDR), il termine “Valle degli Ignari” era usato per fare riferimento alla regione situata così lontano dal muro che divideva la Germania da non poter ricevere nessun segnale tv occidentale, e per questo tagliata fuori da tutte le informazioni più importanti. Proprio questa terra, paradossalmente, nonostante la lezione imparata nel passato, sui libri di scuola, è stata ancora oggetto di narrazione per raccontare alcune frange razziste: i movimenti di destra e neo-nazionalisti hanno trovato terreno fertile per crescere nuove reclute, infatti, nel corso degli ultimi anni, soprattutto da quando molti migranti siriani sono arrivati in Germania, si sono riaccese micce xenofobe su suolo tedesco.

Kunert decide di entrare nel ventre molle della Germania di oggi e mette l’uno di fronte all’altro i veterani della DDR con i giovani siriani e il luogo dell’incontro è la vecchia fabbrica. Da una parte ci sono gli autoctoni più anziani che camminano tra le mura pieni di nostalgia e di ricordi, dall’altra i siriani che parlano del loro sentire, in un posto che ricorda tanto le macerie della guerra da cui sono scappati. La forza del documentario sta proprio qui, nell’incontro/scontro tra culture diverse, tra ieri e oggi, nella forma asciutta e concentrata in cui si possono ritrovare molte altre storie simili. Si porta sullo schermo il materiale originale con riprese degli anni ‘50 e ‘60 del secolo scorso, quando la Germania dell’Est e la Siria erano alleate grazie ai principi comunisti. Fortschritt im Tal der Ahnungslosen è un documentario che ricorda chi siamo, mostrando le fragilità e le asprezze dell’animo umano.

Progress in the Valley of the People Who Don’t Know [Fortschritt im Tal der Ahnungslosen, Germania 2019] REGIA Florian Kunert. SCENEGGIATURA Florian Kunert. FOTOGRAFIA Joanna Piechotta.  MUSICHE Stefan Galler, Franziska Henke. Documentario, durata 67 minuti.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly