adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Centurion

lunedì 4 Aprile, 2011 | di Mattia Filigoi
Centurion
Inediti
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

DVD – GRAN BRETAGNA 2010

Troppa grazia per un blockbuster
Sulla sconvolgente miopia dei distributori italiani è stato scritto di tutto e di più, e non è questa la sede per rincarare la dose, ma si rimane abbastanza di stucco davanti a un film come Centurion, blockbuster con tutti i crismi, ovviamente dimenticato dall’ineffabile distribuzione di qui sopra.

In Centurion c’è tutto quello che un ufficio marketing decente può chiedere per facilitarsi il lavoro: un’ambientazione storica (qui l’antica Roma alla conquista della Britannia) che giustifica battaglie e scontri sanguinosi a profusione, una trama lineare fatta di amori e tradimenti, l’ultima delle Bond Girl (Olga Kurylenko) circondata da attori bellocci eccetera. Il lavoro era già fatto.
Forse è stata la mancanza del 3D, o il fatto che la succitata Kurylenko mostri ben poca epidermide, a bloccare la proiezione italica del film. Peccato, perché Centurion non è affatto brutto, stando al gioco. Certo, i personaggi sono abbozzati e alquanto stereotipati (oltre al protagonista, uomo tutto d’un pezzo cui è rimasto solo l’onore, si veda l’immancabile vecchietto che doveva ritirarsi dopo quell’ultima missione), e la sceneggiatura, dopo una partenza avvincente, comincia a sfilacciarsi: un legionario romano sfugge ai temibili Pitti e si riunisce all’esercito in tempo per subire un’imboscata da cui solo lui e pochi altri sopravvivono. Insieme decidono di recuperare l’amato generale fatto prigioniero e di tornare nelle retrovie, ma saranno inseguiti da un gruppo di Pitti rabbiosi guidati dalla Bond Girl. Chi sopravvivrà? Nel mezzo: atti di eroismo e vigliaccheria, tradimenti e incomprensioni, amori e quant’altro, tante piccole sotto trame, banali e risolte altrettanto banalmente una dietro l’altra a ridosso dei titoli di coda, come se fossero stati dimenticati in fase di scrittura. E anche il combattimento finale lascia un po’ a desiderare…
Dunque, perché Centurion non è affatto brutto? Non lo è grazie al suo regista, Neil Marshall. Celebrato per The Descent, sicuramente tra i migliori horror degli ultimi anni, Marshall è autore anche di Dog Soldiers (inedito in sala) e Doomsday, piccoli grandi film che trasudano un amore appassionato per il cinema di genere, fatto non di citazioni-fotocopia ma di una continua rielaborazione di stili registici e tematiche classiche, senza rinunciare allo splatter pesante e alla critica grottesca della nostra società.
E’ soprattutto con questi film che Centurion ha molto in comune: il tocco di Marshall è ben visibile nel miscuglio di generi, dal cappa e spada all’horror al fantasy, meno spudorato che in Doomsday e più giocato su particolari e atmosfere; è visibile nelle scene di battaglia, dove il sangue (digitale) scorre a fiumi e non si contano le teste mozzate e i crani spappolati; ma è soprattutto in profondità, in quell’atmosfera di pessimismo cosmico, di sfiducia nell’uomo e nelle sue istituzioni che facevano da sfondo a Dog Soldier e Doomsday, che Centurion si eleva sopra i vari King Arthur grondanti retorica reazionaria e battaglie edulcorate. Mentre in questi film l’eroe giustifica le sue stragi motivato da una giusta causa (solitamente un’indefinita e utopica libertà), in Centurion la lotta è mera e sanguigna sopravvivenza, scevra da ogni scusante ideologica e priva dell’aiuto di quelle ambigue istituzioni cui si fa riferimento morale. Qui l’impero romano è sì civilizzato, ma anche subdolo e assetato di sangue; i pitti sono sì barbarici e violenti, ma perché provocati. Bene e male sono troppo mescolati tra loro per potersi schierare, non resta che un pacifico isolamento: utopico, come ironizza la scena finale, sorta di happy ending girato con luci abbaglianti e colori esageratamente caldi, in netto contrasto con i foschi blu che dominano il resto della pellicola. Troppa grazia per un semplice blockbuster. Dev’essere questo che ha spaventato i distributori italiani: che Centurion è un bel film.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly