adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Bronson

lunedì 13 Giugno, 2011 | di Eleonora Degrassi
Bronson
Inediti
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

The Walk of fame
Un uomo, nudo, il suo corpo impregnato di sudore e sangue raggrumato, dentro una gabbia, pronto ad uno scontro impari, uno contro tutti. “Io mi chiamo Charles Bronson e per tutta la vita ho cercato di essere famoso”.

Così si presenta Michael Peterson/Tom Hardy (InceptionMarie Antoinette) all’inizio di Bronson, film di Nicolas Winding Refn (autore anche della trilogia PusherFear XValhalla Rising), realizzato nel 2008, uscito in Italia direttamente in dvd, nel novembre 2009.  Refn realizza un film tratto da una storia vera, quella di Charles “fottuto” Bronson – “il detenuto più pericoloso d’Inghilterra” – , che ha vissuto ben 34 anni della sua vita in carcere, – di cui 30 in isolamento.  Bronson è un’opera viscerale, istintiva, “fisica” che racconta la permanenza in prigione di un uomo e il suo percorso verso la celebrità, opera che non ha paura di descrivere il “destino naturale”, la “vocazione” per la Violenza di una persona “normale”.  Questa è una favola nera, un’agiografia di un antieroe, di una star della violenza, di un uomo multisfaccettato:  è Michael, Mickey, Charles e Charlie, è figlio, nipote preferito, oggetto del desiderio di uomini e donne;  ma lui vuole essere solo una star.  Il regista modella il racconto come uno dramma in tre atti – il nostro di fronte ad un pubblico “recita” le tappe importanti della sua vita (la macchina da presa inquadra spesso il protagonista frontalmente, mentre fa il suo monologo);  i 69 giorni di libertà (è a disagio e spaesato, non conosce e non capisce le regole che ordinano il vivere di tutti i giorni fatto di rapporti umani e di sentimenti, sereno solo negli incontri clandestini di boxe);  il ritorno in prigione e la fuga nell’arte.
Il personaggio interpretato magnificamente da Hardy – che assomiglia in maniera sconvolgente al vero Bronson –con un fisico pompato e ingombrante, dotato di voce calda e trascinata ha delle potenzialità iconiche molto forti, occhialetti d’oro, baffi perfetti, pelato, deltoidi scolpiti, ricopre perfettamente il ruolo dell’uomo ultraviolento.  Vive la prigionia non come un incubo, ma come una stanza d’albergo, un “posto divertente” dove mettere in mostra il proprio talento.  Quella piccola “cellula” dà un senso di potenza e controllo al nostro giustiziere che sicuro di sé, del suo corpo e della sua “inclinazione”, si pompa per l’incontro camminando in cerchio, in una sorta di coazione a ripetere, facendo salire adrenalina e rabbia, mentre nello spettatore cresce sempre di più il senso di claustrofobico disorientamento e l’attesa per ciò che sta per succedere.  La vita che scorre fuori, che lui percepisce dalle feritoie della sua “stanza”, lo spaventa;  infatti la lontananza dalla cella che è il suo “spazio vitale”, il suo “respirare l’inferno” è un momento di rottura, una mancanza.  È difficile non pensare, con le dovute differenze, ad Arancia Meccanica:  l’indole violenta di un uomo bestiale e incontenibile, l’incapacità delle Istituzioni di redimere il colpevole, l’uso della “teatralità” (Bronson di fronte alla platea si dipinge il volto, si veste di nero;  è meravigliosamente istrionico nella scena in cui truccato metà uomo-metà donna inscena il dialogo tra lui e un’infermiera) e della musica (da Verdi ai Pet Shop Boys, da Wagner ai Walker Brothers, da Delibes ai New Order).  Il cineasta danese non punta il dito contro il suo protagonista, non dà giudizi, si concentra sulla sua personalità, su come Bronson si esibisce attraverso l’uso della forza per ottenere fama, sul rapporto arte/violenza (“fare della propria vita un’opera d’arte”):  pensiamo alla statua umana dell’insegnante di pittura, a Hardy nudo e colorato di nero, novello bronzo di Riace, che chiede della musica come contrappunto al rapimento del suo “Pigmalione”, ai suoi stessi disegni che vengono inseriti e che prendono vita come un cartoon, le scene d’isolamento in cui il suo corpo, martoriato, insanguinato, diventa esso stesso opera d’arte, epifania dell’idea artistica di Refn:  “Art is an act of violence”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly