adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

X-Men: L’inizio

lunedì 13 Giugno, 2011 | di Alice Cucchetti
X-Men: L’inizio
Speciale
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

F for freaks
Ogni supereroe, in fondo, è un freak: Batman è un tizio matto che si traveste da pipistrello, Spiderman il frutto di un incidente genetico che spara ragnatele dai polsi, e così via.

Negli X Men, però, questa consapevolezza è dolorosa, inevitabile, ineludibile; sarà perché, invece di essere idolatrati, dagli esseri umani sono temuti e disprezzati. E’ questa caratteristica a differenziare questa saga Marvel dalle altre: i veri cattivi sono le persone “normali”; in definitiva, noi spettatori. Omosessuali, disabili, migranti: non c’è “categoria della diversità” di cui i mutanti non riescano a farsi metafora, costringendo il pubblico ad interrogarsi sulla realtà discriminatoria che lo circonda.
Con X-Men. L’inizio, il regista Matthew Vaughn (già dietro la macchina da presa di Stardust e Kick-Ass) ci porta dove tutto è cominciato: negli anni ’60, in piena Guerra Fredda, Charles Xavier e Erik Lansherr, i futuri Professor X e Magneto, si incontrano e cominciano a reclutare, con l’aiuto della CIA, altri giovani mutanti. A livello di racconto, X-Men. L’inizio è una goduria per gli appassionati della serie, che finalmente possono vedere l’antica amicizia tra Charles ed Erik, tanto evocata negli altri episodi, e assistere alla nascita della Scuola del Professor X, di Cerebro, di Bestia. Il film risulta godibilissimo anche per i neofiti, forte di una vicenda ben congegnata che diverte e cattura, dotata di ritmo, di effetti speciali e esente da tempi morti. Il massimo, per un film di supereroi.
Peccato che gli X Men non siano supereroi come tutti gli altri. L’arco narrativo di Erik – sfuggito ai campi di sterminio nazisti e molto più umano di quanto lui stesso vorrebbe nella sua insaziabile sete di vendetta – è indubbiamente uno degli aspetti più riusciti del film, ma la mancanza di Magneto si sente, eccome. Il villain di quest’episodio, Sebastian Shaw, ricorda un po’ troppo gli avversari di James Bond determinati a dominare il mondo. E’ vero che il film di Vaughn si rifà nello stile al genere spionistico anni ’60, ma, per quanto il tentativo sia apprezzabile, il risultato finisce per regalare scenari troppo colorati e solari ad una serie che aveva, nella cupezza di base, uno dei suoi punti di forza. E pure il conflitto interiore di un’adolescente Raven/Mystica, incapace di accettare la propria natura, è più superficiale di quanto si vorrebbe.
A una lettura approfondita, i quesiti etici e morali emergono: i mutanti “buoni”, per esempio, sono quelli meno riconoscibili come tali (ad eccezione di Bestia), quelli per cui l’integrazione è più facile. E c’è poi il dilemma che Erik pone a Charles e che prefigura come ineluttabile il conflitto umani/mutanti. Purtroppo gli spunti di riflessione restano solo accennati, tra la frenesia degli eventi e alcuni personaggi (tutti quelli umani) troppo macchiettistici, facendo di X-Men. L’inizio uno fra i migliori cinecomic degli ultimi anni, ma con una punta di delusione sospesa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly