adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

X-Men: L’inizio

lunedì 13 Giugno, 2011 | di Valentina Cauteruccio
X-Men: L’inizio
Speciale
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

Piccoli mutanti crescono
L’inizio della storia. Arriva per tutte le saghe il momento in cui si decide di raccontare perché i nostri personaggi sono così come li conosciamo.

Allora troviamo Erik, giovane bambino ebreo, catturato e torturato dai nazisti per i suoi poteri e lo vediamo lentamente trasformarsi in Magneto. Troviamo Charles, già capace di leggere nella mente, profetizzare la sua calvizie dopo essere rimasto paralizzato in uno scontro a fuoco con il suo, ormai, ex amico Erik. Incontriamo anche Raven/Mistica bambina, e la sua lotta interiore per accettare il suo colorito blu. Conosciamo poi nuovi personaggi, ripresi da diversi momenti storici dei fumetti e inseriti tutti in questo inizio, sicuramente poco elaborati, superficiali e quasi ridicoli così da non offuscare i due protagonisti. Eccezion fatta per il personaggio di Kevin Bacon, magnifico interprete del sadico Shaw, unico personaggio realmente strutturato e ben inserito.  L’inizio è soprattutto la nascita della lotta tra gli stessi mutanti, divisi in due fazioni: chi vede una convivenza con gli umani non mutati e chi vede l’evoluzione della specie e la conseguente supremazia sulla razza meno evoluta. La ricetta è ben collaudata, i personaggi sono già stati costruiti, qui bisogna solo raccontare la loro evoluzione personale (piccoli mutanti crescono) e sociale (il mondo deve fare i conti per la prima volta con degli esseri umani con poteri speciali). Le scene di guerra sono come gli altri  film della saga X-Men:spettacolari e curate nei minimi dettagli. Capita addirittura di dimenticarsi di essere al cinema e farsi trasportare totalmente dall’azione. Lo spettatore però non  riesce a dimenticare, neanche a distanza di giorni, i dialoghi da soap opera che pervadono tutto il film. Patetismo a non finire, frasi scontate e poco interessanti; la tentazione è quasi quella che si ha di fronte a un film porno: “mandare avanti” quando parlano e vedere solo l’azione. Solo il cammeo di Wolverine, una sola parola ma molto esplicativa, riesca a far uscire un sorriso di ironia e un po’ di nostalgia per i passati X-Men.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly