adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Wendy e Lucy

giovedì 7 Luglio, 2011 | di Eleonora Degrassi
Wendy e Lucy
Inediti
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

DVD – USA 2008

L’essenziale è visibile agli occhi
Tutto è più semplice quando, al volante di una Honda rosso scuro, con al fianco la tua cagnolina dal pelo dorato, percorri l’America con la speranza di raggiungere l’Alaska per trovare lavoro.

Una giovane donna e una cagnolina, due amiche, unite da un legame indissolubile;  queste sono le protagoniste di Wendy e Lucy, terza pellicola firmata Kelly Reichardt, prodotta nel 2008.  Il film, molto apprezzato e applaudito, partecipa a Cannes nella sezione “Un Certain Regard” e poi passa al Festival di Torino (edizione numero 26), solo quest’anno esce in Italia, direttamente in dvd. La regista, dopo Old Joy, dipinge una storia – parte adattamento (da un racconto di John Raymond) e parte autobiografia (anche la Reichardt ha attraversato, con la sua Lucy, gli Usa in macchina, scrivendo film e cercando luoghi in cui girarli) – dolce, delicata, che sfiora le corde più profonde dei nostri cuori, senza indulgere a sentimentalismi mielosi e finti patetismi, ma usando un modus narrandi asciutto ed essenziale.  Wendy, interpretata dalla brava Michelle Williams – conosciuta dal grande pubblico per la Jen di Dawson’s Creek, e che ha poi intrapreso una carriera più “interessante” con I’m not there, Synecdoche, Shutter Island – , che praticamente da sola regge l’intero film, parte da Portland (Oregon) per arrivare alla mitica frontiera – come il protagonista di Into the Wild -, dove tutti trovano lavoro;  non è da sola, a seguirla, difenderla, coccolarla, c’è Lucy, la sua dolce cagnolina. Il viaggio è più breve del previsto, infatti la macchina della giovane si ferma in un paesino e lì, la cagnetta scompare;  ed è proprio Lucy l’ingranaggio che muove la storia, a causa della sua scomparsa la vita di Wendy ha un forte contraccolpo. Il personaggio della Williams, dal volto intenso e forte, va alla disperata ricerca della sua “ragazza”, e la Reichardt la segue, segue il suo deambulare, i suoi silenzi dolorosi, che nascondono quel senso di solitudine e spaesamento dovuto alla “Mancanza” di “qualcuno”, di qualcosa, un lavoro. In questo film on the road, in cui coesistono accenti sussurrati di una loser senza speranza e note quasi “mistiche” di un paesaggio intenso e “umile”, Wendy, tutta interiorità, si muove macinando chilometri, cercando la sua piccola amica, come fosse parte di sé. Il corpo dell’attrice, femminile e sensuale, qui è tutta “mascolinità”, smagrita, quasi androgina, la sue lacrime, chiusa nel bagno di un supermercato, “dosate” e “asciutte”, danno verità e “pienezza” a un film e a un’interpretazione che punta più al non detto, al significato stesso delle immagini, che alla parola.  Wendy tra homeless, supermercati, strade vuote e desolate, cerca disperatamente Lucy che è metafora di tutto ciò che d’importante esiste nella vita di un essere umano:  famiglia, “casa”, affetto, protezione, “aria”.   Per la compagna la giovane farebbe qualunque cosa, anche rubare, anche andare in prigione, anche mentire;  e il prodigarsi di questa “pia mater” moderna stride con la durezza e la crudeltà della vita rappresentata dalla regista. I soldi che mancano, la notte passata all’addiaccio in contatto con quella Natura, benigna di giorno in compagnia di Lucy, matrigna quando si è soli e impauriti, sono emblema dell’America perduta, che non dà aiuto a quelli come Wendy:  tanto è benigna con i vincenti quanto è matrigna con i perdenti.  Kelly Reichardt costruisce un’opera lineare, pulita, che si modula incredibilmente sul “moaning” di Wendy, “colonna sonora” dell’intero film, lamento da cui è difficile separarsi;  la regista racconta una vicenda semplice – resa unica e speciale – di una guerriera che combatte contro i suoi mulini a vento, facendo anche però il ritratto dell’America che non conta, che è in preda alla crisi economica, e dell’Umanità che non si lascia travolgere da niente e da nessuno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly