adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Tekken

lunedì 8 Agosto, 2011 | di Mattia Filigoi
Tekken
In sala
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

I picchiaduro al cinema picchiano ben poco
Non è la prima volta che un videogame picchiaduro viene sbattuto a forza sullo schermo cinematografico, “illustri” precedenti anticipano questo Tekken (regia di Dwight Little): Mortal Kombat di P.W.S. Anderson e Street Fighter di E. Da Souza (per non parlare di Dead or Alive, di Corey Yuen).

In tutti i casi, il risultato è stato pessimo. Nei picchiaduro la trama è sempre stata un optional, espressa magari nelle caratterizzazioni dei personaggi, anche se a renderli memorabili erano i loro colpi speciali, più che la loro storiella personale in stile Sentieri. Trarre un film da un picchiaduro lascia quindi totale carta bianca nella creazione di una trama decente, l’unico obbligo è infilarci dentro attori vestiti come i personaggi del gioco e farli menare tra di loro il più possibile. Totale libertà, troppa forse, dati i risultati: pastrocchi ben oltre il ridicolo involontario, dove c’è tutto e il contrario di tutto, e che portano solo al rimpianto per non aver giocato un’ora e mezza col videogioco, piuttosto che guardare il film.
Tekken è uno dei più celebri picchiaduro, ed era solo questione di tempo prima che qualcuno ne facesse un film. I risultati non sono dissimili dalle altre produzioni del genere. Qui si frulla la fantascienza degli ultimi quindici anni e se ne fa la struttura portante di una serie (breve, in realtà) di scazzottate relativamente divertenti. Gli Stati sono crollati dopo le guerre di religione, le multinazionali ora controllano il mondo. La più potente di queste, la Tekken, domina la gente col pugno di ferro e ogni anno indice l’”Iron Fist”, torneo dove i migliori combattenti delle multinazionali si tolgono vicendevolmente il muco dal naso a cazzotti. Il ladruncolo Jin Kazama se ne frega del torneo, finché la Tekken non gli ammazza la madre: decide così di iscriversi per vendetta. Riuscirà nel suo intento, e si farà anche la ragazza. Esplosioni, sparatorie, pestaggi, montaggio ipercinetico, musica metallara, costumini attillati e moralina finale sul non uccidere la gente. Nella poltrona accanto alla mia, in sala, un ragazzino di nove-dieci anni si diverte un mondo a ripetere i nomi dei personaggi del videogioco ogni qual volta questi compaiono sullo schermo.
Almeno lui si è divertito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly