adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Cut

lunedì 5 Settembre, 2011 | di Matteo Quadrini
Cut
Festival
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

68a Mostra del Cinema di Venezia, 31 agosto-10 settembre 2011

Un sacrificio cinematografico
Fino a dove può arrivare l’amore per il cinema? Chi è regista, ma anche chi il cinema lo produce soltanto a parole o a emozioni mescolando la cinefilia con la vita, troverà in Cut, presentato alla Mostra del Cinema nella sezione Orizzonti, qualcosa di più che una confessione, o un’emozionante affinità.

Cut è un film che appartiene a chiunque creda che il cinema abbia ancora un potere spirituale, che sia un’arte popolare o una ricerca interiore in costante evoluzione, che sia un luogo dove le immagini raccontano ciò che è ordinario o straordinario con il respiro di una rappresentazione, di una fantasia o di un documentario. Chi ancora crede a questo potere, e di questo potere non può fare a meno, allora crederà anche alla passione che anima il film di Naderi: una passione che nasce dalle visioni che cambiano la vita, e poi diventa una necessità di agire che spinge a creare i propri film.

Cut crede a questa passione a tal punto che ne fa l’essenza del film: Shuji è un regista che non riesce a lavorare perché non trova finanziamenti alle storie che vorrebbe girare, eppure si dedica esclusivamente al cinema organizzando cineforum sul tetto di un grattacielo, e slanciandosi disperato e pieno di reverenza sulle tombe di Kurosawa, Ozu e Mizoguchi. Shuji è il riflesso del cinema contemporaneo, sprovvisto di mezzi e ridotto a un’impotenza che lo riduce a non esprimersi e a vanificare le sue ambizioni: a un regista del presente non resta che contemplare continuamente i film che non farà, e vagare a vuoto tra i fantasmi di una storia del cinema che sta scomparendo. Per questo Shuji si rifugia nel suo appartamento-cineteca, circondato dalle foto dei grandi registi e dalle pellicole dei capolavori che il presente sta cominciando a ignorare, o di cui non si chiede l’esistenza. Ma la passione per il cinema muterà volto quando Shuji scoprirà che a causa dei suoi film il fratello-strozzino è stato ucciso dalla Yakuza per mancato pagamento: i debiti che aveva contratto per produrre le ambizioni di celluloide di Shuji ora dovranno essere estinti dal regista in due settimane, pena la morte. Passione per il cinema e lotta per la vita finiscono dunque per coincidere, perché questa passione che anima Shuji per sopravvivere e per far sopravvivere attraverso la propria salvezza anche il cinema che ama, diventa un’autentica Passione laica e cinematografica, una delle più pure mai filmate. Per lui non è importante solo risanare un debito, non è nemmeno importante sopravvivere come uomo: l’essenza del suo agire, che consiste nel farsi picchiare a pagamento fino al conseguimento del denaro necessario, è, e deve essere, una promessa verso il fratello morto per il suo cinema, è un momento d’onore per non perdere la dignità di regista, ed è un orgogliosa sfida che il cinema deve vincere se non vuole essere assorbito da chi lo concepisce soltanto come fonte di reddito.

Cut è una Passione sviluppata agli estremi del dolore fisico, una sfida alla resistenza visiva e morale dello spettatore, in cui il cinema può sopravvivere soltanto nel sangue e nella lotta, germogliando nel sacrificio artistico più sofferto e lacerato. In quest’idea di opera d’arte come risultato di una lotta, ma che nella fede incondizionata verso il cinema cerca l’unica nobiltà che sembra restargli, si può ridurre tanta adesione e tanto amore a una violenza esagerata generata dalla provocazione? No. Al contrario, Cut ha tanta emotività e tanta ansia di guardare a ciò che è stato il cinema proprio perché si rende conto che il presente non basta per costruire un film-manifesto o un’opera omnia intorno alla domanda “che cos’è cinema?”: il finale di Sentieri selvaggi, la pietà di La strada, il martirio silenzioso di Mouchette, una classifica dei cento migliori film della storia proprio nel momento più tragico e sublime di un’altra storia, quella della propria vita, tutto questo repertorio di scene amate e piaceri cinefili interviene e si sovrappone a ciò che Naderi ha creato per creare a sua volta. Come se suoni e immagini del passato potessero completare ciò che esprime o non riesce a esprimere il presente; come se al presente non restasse che proseguire attraverso il passato e dirgli un immenso grazie per trovare un altro inizio, un proprio inizio. Soltanto fondendo ciò che il cinema ha potuto essere e ciò che può provare ancora ad essere, con un sacrificio così umile come quello imposto da Cut, si può provare una ricompensa e un appagamento tanto grandi: si può provare a girare un nuovo ciak che ricorda tutte le stagioni del cinema. Anche quelle che devono ancora venire.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly