adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Un mercoledì da leoni (1978)

lunedì 17 Ottobre, 2011 | di Lisa Cecconi
Un mercoledì da leoni (1978)
Film History
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

Rete 4, mercoledì 6 gennaio 2016, ore 00.15

Sulla cresta dell’onda
“Il passato non ritorna”. Questa è la lezione per Matt (Jean-Michael Vincent), Jack (William Katt) e Leroy (Gary Busey). Idoli da spiaggia e surfisti imbattuti, devono far fronte a una realtà impellente, lasciandosi alle spalle la scintillante spensieratezza delle estati californiane.

Contro le avversità dell’età adulta, sempre più gravida di scelte, nel succedersi impietoso degli eventi a cavallo tra gli anni ‘60 e ’70, potranno contare soltanto sul legame che li unisce, cavalcando le onde come la Storia e aiutandosi quanto basta per mantenersi a galla. Con Un mercoledì da leoni, John Milius firma il suo film più mediacritica_un_mercoledi_da_leoni_290autobiografico e malinconico. La nostalgia trabocca da ogni immagine, dalle fotografie in seppia dei titoli di testa al tramonto incandescente del finale, senza contare la voce del narratore, anonimo bardo e partecipe custode di un passato già avvolto dalla bruma del mito. Autore navigato, di talento non comune (aveva da poco collaborato anche allo script di Apocalypse Now) Milius decide di affrontare i temi a lui più cari – il coraggio, la lealtà, le responsabilità dell’eroe – sposandoli con la tragicità degli eventi storici – prima fra tutti la guerra in Vietnam – e la personale insofferenza verso ogni forma di autorità, la sfiducia per una civiltà che inaridisce l’uomo e lo snatura. Ne deriva un potente affresco generazionale, con quattro storiche mareggiate (1962, 1965, 1968, 1974) elette a simbolo laconico di cruciali tappe politiche (la morte di Kennedy, il Vietnam, il ’68 e lo scandalo Watergate) ma che, al contempo, le trascendono con ineluttabile ciclicità. In bilico tra il rincorrersi degli avvenimenti umani e l’eterno ritorno della Natura, i tre amici sperimentano la provvisorietà di ogni istante e la difficoltà nel difendere ciò che conta dall’erosione del tempo. Milius distoglie lo sguardo dagli accadimenti esterni per mostrarne gli effetti su queste vite sconvolte, sullo stravolgersi del loro microcosmo e sul senso di impotenza che precede l’accettazione. Tratteggia i personaggi con rara profondità, avvalendoli di delicate sfumature e interpreti adeguati magnificando il tutto con una regia da manuale. Se le riprese in acqua restano ineguagliate (Point Break rinuncia subito al confronto), si può dire altrettanto di quelle meno spettacolari, come il colloquio memorabile tra Leroy e lo psicologo o quello, notturno e struggente, tra Bear e Matt, con la tavola da surf che brilla nel buio come una falce di luna. Se delusioni e consapevolezza scatenano istinti autodistruttivi, l’amicizia sembra rappresentare l’unica ancora di salvezza: chi lo dimentica rischia di perdersi o di soccombere alla realtà. Matt, Jack e Leroy resteranno reciprocamente fedeli fino al “grande mercoledì”, quello dell’ultima mareggiata. Quello, sì, trascinerà via tutto, ma non prima di consegnare il film all’empireo dei cult.

Un mercoledì da leoni [Big Wednesday, USA 1978] REGIA John Milius.
CAST Jan-Michael Vincent, William Katt, Gary Busey, Patti D’Arbanville, Lee Purcell.
SCENEGGIATURA John Milius, Dennis Aaberg. FOTOGRAFIA Bruce Surtees. MUSICHE Basil Poledouris.
Drammatico, durata 120 minuti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly