adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Immortals 3D

lunedì 14 Novembre, 2011 | di Valentina Cauteruccio
Immortals 3D
Speciale
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

Catapultati nel passato
Il paragone con 300 è d’obbligo dopo la visione di questi immortali. L’idea è alquanto simile: preleviamo dal passato, per l’esattezza dai miti greci, e riproponiamo una storia epica con tutte le caratteristiche d’azione che porta con sé una storia bellicosa.

Le differenze però non mancano. A partire dal 3D, ormai in voga per i colossal americani, che nel caso di Immortals trova forse una motivazione per la sua esistenza. L’aggiunta di una dimensione aiuta la riuscita delle scene più cruente (in parte anche splatter), anche se lo stile registico e la scenografia (capostipite Sin City),  risultano particolari e uniche in tutte le dimensioni. La differenza sostanziale tra il primo film, che ha riportato in auge il genere in costume, e questo secondo tentativo, risiede principalmente nelle scelte di sceneggiatura e attoriali. In 300 gli attori erano visi sconosciuti e la trama si concentrava sulla difesa dei valori del popolo spartano contro l’egemonia persiana, trecento uomini in lotta per difendere la loro libertà e per non sottomettersi al potere di un altro popolo. In Immortals il viso riconoscibilissimo di Mickey Rourke (ma anche di Freida Pinto e Stephen Dorff) sottolinea il tentativo di rendere dei personaggi mitici come classici attori hollywoodiani; perdendo totalmente quel sentore di mitico e impossibile che qualsiasi leggenda porta al suo interno. Questa discrepanza si nota anche in relazione alla sceneggiatura, basti pensare alla difficoltà per lo spettatore di riconoscere il mito di Teseo e il Minotauro, talmente “alterato” da apparire quasi come una qualsiasi altra avventura d’azione e sangue. L’involucro di questa nuova pellicola, che strizza l’occhio al mondo passato, è sicuramente ben costruito, ma la parte  “interna”, quella della fedeltà mitologica e dell’edificazione dei personaggi, viene sacrificata in nome di una realizzazione totalmente commerciale, in perfetto stile blockbuster made in USA. Forse non è un caso che il regista Tarsem Singh venga dal mondo pubblicitario, dove la confezione è indispensabile, più della qualità del prodotto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly