adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Miracolo a Le Havre

lunedì 28 Novembre, 2011 | di Matteo Quadrini
Miracolo a Le Havre
Speciale
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

La favola di chi non credeva alle favole
Ricordate la storia di Polar Express? Era una storia di bambini perché gli adulti avevano perso la facoltà di sentire i rumori del Natale, di credere al suono di un gingillo o al suo potere fantastico.

Gli adulti avevano smesso di vivere favole e così avevano smesso anche di crederci. Forse perché oggi, più che mai, il linguaggio delle favole non parla il linguaggio della crisi che dai mercati passa al lavoro e dal lavoro passa alle case.
Così la favola sembra relegata a un anacronismo o all’inconsistenza. O forse no, se Miracolo a Le Havre ha ragione, se un pessimista cronico come Kaurismäki sfida sé stesso e invece celebra la speranza della vita e la vita della speranza. Cambia ma non cambia il suo cinema: un cinema ora tragico, ora avvolto dalla commedia, straniante e poetico, minimale per vocazione perché sa scegliere poche parole e si realizza soprattutto quando sa non usarle, lontano lontano dal postmodernismo o da un’arte postmoderna. E non cambiano i protagonisti, come Marcel, un tempo bohemien e ora sciuscià, vecchio che in fondo è un ragazzo e non può fare a meno di una moglie casalinga e taciturna. Una serenità isolata la sua, la loro, nella felice ma povera vita del quartiere popolare e che verrà interrotta dalla malattia terminale della moglie e da Idrissa, un giovane clandestino del Maghreb che vuole raggiungere l’Inghilterra per ritrovare la madre.

Miracolo a Le Havre è la favola che crede in una comunità ideale: una comunità che è una periferia fuori dal mondo civilizzato però non fuori dai problemi del mondo, dove l’individualismo scompare e in cui non ci sono perdenti che cercano una riabilitazione ma umili che salvaguardano ciò che non hanno perso. Non è una favola di cambiamento o per cambiare, di tappe, ma la scarna e originale favola del cinema indipendente che crede in chi non cambia e resta fedele al suo umanismo. La favola con cui Kaurismäki potrebbe dire da un momento all’altro “uomo, accontentati di restare solo un uomo, perché anche un ciliegio in fiore o avere certezze dalla propria routine è più di quanto tu creda. Sono dei valori”. Ed è importante come lo dice, con il potere del dramma trasformato in ermetica e amabilissima commedia umana. Tanto che la critica non può non concepire Miracolo a Le Havre come un’enciclopedia dell’umanismo artistico: i nomi dei personaggi rimandano al realismo poetico; la trama a De Sica, Brecht, Casablanca; le immagini a Bresson, Ozu, Chaplin. Un gioco dei rimandi che forse ha qualche verità ma non serve molto a comprendere quel cinema del poco che ama la sua ripetitività e si rifiuta orgogliosamente di sognare in grande. Così la critica rischia di non lesinare la nomea di miracolo cinematografico e di cercare il completamento della storia del cinema umanista in ciò che invece è creato per essere “soltanto” un piccolo film e per essere il più perfetto e poetico momento all’interno del percorso chiuso di Kaurismäki. Ma poetico e perfetto soltanto all’interno di questo percorso chiuso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly