adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

L’uomo che fuggì dal futuro

giovedì 22 Dicembre, 2011 | di Daniela Bressanutti
L’uomo che fuggì dal futuro
Film History
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

Il  primo uomo che ebbe la Forza al suo fianco
George Lucas non ha bisogno di presentazioni, il suo nome potrebbe essere l’anagramma del cinema di fantascienza. È quindi un piacere per gli occhi e per la mente scoprire il suo primo lungometraggio, L’uomo che fuggì dal futuro (titolo originale THX 1138) del 1971.

Nato dal saggio conclusivo dei suoi studi alla USC Labirinto elettronico: THX 1138, il film è ambientato in un futuro remoto dove gli esseri umani sono privati delle emozioni causa l’assunzione obbligatoria di droghe. L’espressione personale è quindi inibita e controllata da robot e sistemi di videosorveglianza, i rapporti interpersonali di limitano mediacritica_l_uomo_che_fuggi_dal_futuro_290alla coabitazione ed i nomi sono sigle alfanumeriche. Gli uomini, immersi nel biancore asettico delle abitazioni sotterranee e delle uniformi, si muovono come automi in uno stato di semi-incoscienza, sono rasati a zero e affidano le proprie confessioni di disagio ed insicurezza ad icone religiose computerizzate.
Lucas riesce a dipingere, in un mondo totalmente alienato, la naturalezza dell’emotività umana e l’attimo della presa di coscienza con puntuale delicatezza.
Le immagini sono forti più per il loro significato intrinseco e per la loro estetica che non per la visione stessa – ne è esempio la prigione psichiatrica priva di pareti, claustrofobica seppur infinita; vi si legge quell’impatto caratteristico delle opere prime, esenti ancora dalle leggi del mercato distributivo.
Sono molti gli esempi di società distopiche più o meno futuristiche sia nel cinema che in letteratura ed infatti THX 1138 deve molto in particolar modo a 1984 di George Orwell e Mondo nuovo di Adolph Uxley, ma è a sua volta la pietra di partenza per la fantascienza moderna e contemporanea. Basti pensare ad un blockbuster come The Island (2005) di Michael Bay o al meno conosciuto Equilibrium (2002) di Kurt Wimmer, giusto per non nominare il sempre citabile The Matrix (1999) dei fratelli Wachowski.

L’uomo che fuggì dal futuro [THX 1138, USA 1971] REGIA George Lucas.
CAST Robert Duvall, Donald Pleasence, Don Pedro Colley, Maggie McOmie, Ian Wolfe.
SCENEGGIATURA George Lucas, Walter Murch. FOTOGRAFIA Albert Kihn, David Myers. MUSICHE Lalo Schifrin.
Fantascienza, durata 86 minuti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly