adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

La morte corre sul fiume (1955)

giovedì 19 Gennaio, 2012 | di Edoardo Peretti
La morte corre sul fiume (1955)
Film History
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

Mgm, venerdì 20 gennaio 2012, ore 22.50

Dall’albero cattivo non possono nascere buoni frutti
La giovane penna della critica cinematografica ammette di provare un certo disagio davanti ad un film come La morte corre sul fiume, unica, memorabile prova dietro la macchina da presa dell’attore britannico Charles Laughton.

Al di là dell’immediato piacere della visione, ancora oggi molto alto, il critico alle prime armi si trova spiazzato davanti alla monumentalità di un’opera così stratificata e ricca di suggestioni e rimandi, di stimoli e di spunti: dove puntare il lumicino dell’analisi senza elencare tutto come se la recensione fosse il foglietto con la lista della spesa? Come inquadrare un film che allo stesso tempo è quasi un oggetto estraneo nella cinematografia di quegli anni (e non solo) pur mostrando continui agganci proprio con quel cinema? Da dove partire? Dalle suggestioni letterarie, che vanno da Shakespeare – per la tragicità di Harry Powell, il folle predicatore protagonista il quale, anche grazie alla grandiosa interpretazione di Mitchum, come nelle opere del bardo diventa un’incarnazione assoluta del male – e arrivano a Mark Twain (il viaggio in barca dei due bambini, ma non solo)? Oppure riflettere sul continuo sottotesto religioso, sulla visione di un fondamentalismo che pare permeare fino al midollo la società, e che porta ad esiti nefasti e malvagi (il predicatore), all’ingenuità manipolabile (la mamma, interpretata da Shelley Winters), ad un senso comune inane, moralista e ipocrita (i coniugi Spoon), ma anche alla forza d’animo e al coraggio mostrati dalla signora Cooper? E perché non insistere proprio sulla contrapposizione tra Henry Powell e la signora Cooper, che diventa emblematica e che a sua volta si basa sugli inni sacri cantati lungo tutta la narrazione? Come dimenticare inoltre la presenza di alcune tematiche fondamentali della cultura – letteraria e cinematografica – americana, come la riflessione sull’ineluttabilità della violenza, che entra a gamba tesa nella vita della persona fin dalla tenera età, o come il senso della libertà randagia sostenuta dalla rappresentazione della natura? Si può provare a sintetizzare tutto ciò considerando La morte corre sul fiume come una fiaba, irreale e allo stesso tempo radicata nella realtà e nella cultura, che alterna atmosfere horror con tocchi noir e di film d’avventura, aprendo squarci di commedia e anche di comicità da “cartoon”. Come ogni fiaba che si rispetti c’è il protagonista in viaggio e alle prese con prove più grandi di lui, il piccolo John, che deve proteggere l’anello più debole, la sorellina Pearl, il mostro antagonista, ovviamente il predicatore, e l’eroe, la signora Cooper. L’atmosfera è continuamente sostenuta dalle scelte fotografiche, dai giochi di luce che si rifanno all’espressionismo e dalla scelta di inquadrature spesso oblique, o dall’alto. Fiaba è anche il termine più giusto per indicare il senso più vero e puro del film: l’omaggio all’infanzia, la triste constatazione dell’età della purezza macchiata dai pesanti fardelli della violenza e del male, e da responsabilità adulte troppo presto arrivate.

La morte corre sul fiume [The Night of the Hunter, USA 1955] REGIA Charles Laughton.
CAST Robert Mitchum, Shelley Winters, Lillian Gish, James Gleason.
SCENEGGIATURA James Agee. FOTOGRAFIA Stanley Cortez. MUSICHE Walter Schumann.
Thriller/Drammatico, durata 93 minuti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly