adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Milano calibro 9 (1972)

sabato 28 Gennaio, 2012 | di Filippo Zoratti
Milano calibro 9 (1972)
Film History
1
Facebooktwittermail
Voto autore:

La Mala Vita
Un uomo in impermeabile cammina da solo con fare sospetto(so) in un parco. Un bancario estorce furtivamente fasci di banconote da una valigetta. Una musica incalzante – opera di Luis Bacalov e degli Osanna – ci ossessiona, ripetitiva e tesa, fino alla consegna dei soldi, prelevati da una insospettabile ragazza che con disinvoltura si allontana senza lasciare traccia.

L’incipit di Milano calibro 9 non dà scampo, scaraventandoci in un clima livido e funesto. Ma quale poliziottesco, quale cinema reazionario, quale violenza fine a se stessa. Nella storia di Ugo Piazza che, uscito di galera dopo tre anni, trova ad aspettarlo i compagni di un tempo convinti che abbia sottratto loro 300 mila dollari, il regista Fernando Di Leo mette tutto il suo trasporto e tutta la sua conoscenza per il noir statunitense e francese – Melville e Huston in primis – distillando il senso di un Destino imminente, ineluttabile. La sua Milano è nera, abitata da uomini disillusi eppure in perenne lotta e da donne “fatali” diabolicamente angeliche. Dopo I ragazzi del massacro (1969) e prima di La mala ordina (1972), Di Leo con Milano calibro 9 trova la piena quadratura del cerchio, la totale realizzazione della sua poetica cinematografica. A colpire come una sassata è la velocità di montaggio, l’accuratezza della costruzione dell’immagine (una per tutte la scena del night, con la danza sinuosa di Barbara Bouchet), l’attenzione alla psicologia dei personaggi. Una sensibilità sconosciuta, che spazza via la suddivisione manichea tra piedipiatti buoni e sicari cattivi. La polizia perde la sua funzione di integerrima e limpida difesa della legge, mostrando ampiamente la propria ambiguità e porgendo il fianco ad un desiderio di vendetta che inevitabilmente la accomuna al sottobosco criminale che desidera combattere. In Milano calibro 9 non c’è speranza a cui appigliarsi. Lo capiamo dai primi e primissimi piani che ingabbiano Piazza/Ugo Moschin, dal suo sguardo segnato dall’inesorabilità della sconfitta, dai dialoghi intrisi di nichilismo (“E tu, che prospettive hai?”, gli domanda l’amante ritrovata; “nessuna” risponde lui). L’unica ironia concessa è quella dell’amaro gioco delle apparenze, che crolla nella resa dei conti finale: la furbizia diventa stupidità, l’amore si trasforma in tradimento, l’ostilità lascia spazio al rispetto. E resta una sigaretta che si consuma sul bordo di un tavolino, simbolo della (mala)vita e del mondo. Troppo pessimista, troppo cupo per essere verosimile? Una domanda cui Giorgio Scerbanenco – il soggetto del film è tratto dal suo romanzo Stazione Centrale Ammazzare Subito – avrebbe risposto con un laconico “riassumo, semplicemente, la realtà”.

Milano calibro 9 [Italia 1972] REGIA Fernando Di Leo.
CAST Gastone Moschin, Barbara Bouchet, Mario Adorf, Frank Wolff, Philippe Leroy.
SCENEGGIATURA Fernando Di Leo (tratta dal romanzo Stazione Centrale Ammazzare Subito di Giorgio Scerbanenco). FOTOGRAFIA Franco Villa. MUSICHE Luis Enríquez Bacalov, Osanna.
Noir/Poliziesco, durata 100 minuti.

One Comment

  1. Pingback: Diabolik (1968) - Mediacritica – Un progetto di critica cinematografica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly