adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Milano 55.1

lunedì 13 Febbraio, 2012 | di Paola Gianderico
Milano 55.1
Review
0
Facebooktwittermail

La percentuale della vittoria meneghina segna il punto di partenza del saluto all’Italia videocratica, documentato in un progetto collettivo coordinato da Luca Mosso e Bruno Oliviero, e presentato fuori concorso al 64° Festival di Locarno. L’inaspettato responso del primo turno elettorale, abbattutosi come un macigno sulla Giunta Moratti, è il sentore che qualcosa di grosso sta avvenendo. La Zingaropoli e l’invasione delle moschee, formule dominanti dei mantra recitati per scongiurare lo spettro comunista, sono volate via nel vento dello smog di una città tornata sui propri passi dopo quasi vent’anni.

Dal ballottaggio potrebbero dipendere i destini di un’intera nazione, così nasce Milano 55.1, settimana di passioni filmata sul campo da un folto gruppo di videomakers radunatosi per l’occasione. Nessun uso di materiale pre-registrato riguardante i candidati sindaco – come il confronto/scontro automobilistico con colpo di scena e finale rivelatore avvenuto su Sky – ma la politica in presa diretta a contatto con la gente, sulle strade, tra le piazze e i mercati, le affissioni, i sit-in e i banchetti. O i concerti che, accostati, appaiono come la metafora musicale di un manifesto programmatico, nonché lampante anticipazione del decisivo verdetto alle urne.

Ma per tracciare lo scenario apocalittico prospettato in quei giorni di violenta campagna denigratoria (già raccontato parodisticamente dal fenomeno web “Il Terzo segreto di satira” con Il favoloso mondo di Pisapie), gli obiettivi scelgono di non seguire l’Obama dei Navigli, preferendo pedinare ai margini dei riflettori i co-protagonisti della corsa: Stefano Boeri e Matteo Salvini, rispettivamente esponenti del PD e della Lega, e rappresentanti emblematici di due modi diversi di rapportarsi con l’elettorato. Uno è architetto, frequenta i salotti dell’intellighenzia di sinistra ma ha alle spalle il canto di libertà e l’energia positiva del popolo arancione – una comunità dispensatrice di abbracci, che al Suv preferisce la bicicletta. L’altro appartiene a una classe politica stanca, decaduta, che ha fallito sul territorio in termini pratici (come dimostra il comizio ripreso in un quartiere periferico del capoluogo lombardo) ma che continua ad avere seguito grazie al linguaggio populista e alla passione sincera per l’attivismo militante di megafono.

Cronaca necessaria da tramandare ai posteri, se non altro per la straordinaria partecipazione civile, la festa in Piazza del Duomo è il ritratto di una cittadinanza a lungo rimasta nascosta, oppure semplicemente mutata rispetto alla Gente di Milano del boom economico, immortalata dal fotografo Gianni Berengo Gardin. Una cittadinanza che, al di là delle ideologie (ampiamente superate, secondo il bambino anarchico, voce del futuro), si riappropria degli spazi urbani e manifesta prepotentemente la volontà di esercitare il proprio diritto al voto (per l’ultima volta nell’anno 2011- percorso politicamente per intero dal blogger Zoro, in Finale di partita ). Lì, rivolta a quella folla, c’era l’attenzione di tutti. Lì, sotto l’ombra della Madonnina, possibilmente c’era anche Matteo Salvini a ballare sulle note di “Tutta mia è la città”, ignaro del futuro avvento della Tecnocrazia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly