adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

La fuga di Martha

lunedì 28 Maggio, 2012 | di Carmen Spanò
La fuga di Martha
In sala
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

Identità violata
La fuga di Martha è un film fatto di sensazioni, viaggia sui binari della percezione soggettiva e ne abbraccia i deragliamenti, in un vortice di echi sensoriali che fagocita – elegante nella sua sottile crudeltà – tutto quel che resta della capacità umana di assegnare un posto sicuro ai propri ricordi.

Esterno, giorno. Una giovane donna corre terrorizzata attraverso il bosco. È in fuga da qualcosa, da qualcuno. Confusa, si ferma per chiedere aiuto. Esita, ma l’orrore che si porta addosso le dà la forza di lasciarsi trovare. Poco dopo, la ragazza è sulla via del ritorno verso quella realtà d’origine, di fatto incarnata dalla sorella maggiore, dalla quale due anni prima era scappata. E che aveva sostituito con una famiglia “diversa”. L’esordiente nel lungometraggio Sean Durkin concepisce un’opera lieve e inquietante in grado di fluttuare tra i meandri di una mente alterata, per farsi narrazione liquida di eventi appartenenti a cornici spazio-temporali (in)distinte, riempite di contenuto memoriale mai del tutto disvelato fino in fondo. Intorno alla figura della protagonista – la “fu” Martha rinata Marcy May in seno a una comunità dall’aspetto bucolico ma dall’organizzazione interna propria di una setta gerarchica – il film costruisce la principale via di accesso alla visione. Nella rete di rimandi continui tra passato e presente, i raccordi sonori e sul movimento dilatano le azioni della rediviva Martha “usando” l’immagine della ragazza quale strumento di passaggio da una realtà all’altra. I gesti ripetuti, le situazioni che sanno di déjà vù, innestano sulla Martha “del qui e ora” la Marcy May “del là e allora” in un crescendo di entropia mentale che, oltre a frantumare le linee del tempo, sfianca i sensi e acuisce il disagio della bellissima anima tormentata, ancora una volta prigioniera tra le pareti della nuova casa (la villa sul lago della sorella Lucy e del marito di lei, Ted). Casolare di campagna e residenza lagunare diventano ambienti speculari, solo illusoriamente distanti: all’accerchiamento psicologico del primo, veicolato da disumanizzanti forme di potere come gli stupri iniziatici e le manipolazioni, subentra, nella seconda, l’inquietudine figlia della paranoia e di un autodistruttivo senso di colpa. Il cerchio si chiude con lo svuotamento raccapricciante e progressivo del diritto all’identità. Voluto, nel contesto di dittatura occulta impiantato dal perverso leader Patrick; prefigurato, in quello geneticamente incapace alla comprensione di Lucy e Ted. Questa lenta spoliazione dell’essere traspare dagli occhi, filtra dalla voce, affiora sul corpo rannicchiato e inebetito di Elizabeth Olsen, splendida interprete di donna-involucro prosciugata della propria linfa vitale e “insufflata” di regole e dottrine inespugnabili, emanazioni ossessionanti della volontà di dominio altrui. Ineludibile il destino improntato al nomadismo della personalità: i nomi sfioriscono nell’inconsistenza, gli spazi si annullano nell’isolamento simbolico di un volto atterrito e compresso nei bordi dell’inquadratura. Il tempo che resta è quello, muto e straziante, della solitudine.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly