adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Pinocchio

martedì 4 Settembre, 2012 | di Nicola Peirano
Pinocchio
Festival
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

Speciale 69° Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia

GIORNATE DEGLI AUTORI
Un classico sempre nuovo
La fortuna della favola Pinocchio non conosce limiti temporali. L’opera di Carlo Collodi è stata oggetto di una trasposizione in cartone animato anche nell’ultimo lungometraggio di Enzo d’Alò, presentato nella sezione Giornate degli Autori alla 69° Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia.

La storia è nota, e viene ripresa con grande fedeltà rispetto ad altre riduzioni per il grande schermo, lasciando spazio a personaggi meno noti e togliendo risalto alla figura di Lucignolo e all’episodio della balena. Ovviamente il burattino domina su tutti, saltimbanco di una buffoneria irriverente, che lo rende pericoloso per se stesso e gli altri. Maleducato, molesto, ma in fondo non cattivo, solamente bisognoso di affetto, Pinocchio è un pagliaccio dalle movenze slapstick che stravolge al suo passaggio ogni cosa. E’ però anche un bambino curioso, che rappresenta bene le gioie della sua età, in cui il fanciullo inconsapevole non lascia spazio alle frustrazioni del mondo adulto, ma concede la propria fiducia incondizionatamente a buoni e malvagi. L’intento pedagogico del racconto non emerge con i toni moraleggianti del classico del 1940 (che in puro stile Disney mischia abilmente il registro più sentimentale con atmosfere cupe e tenebrose), ma non passa nemmeno sottotraccia l’apologia dell’onestà che la storia vuole rappresentare, insieme all’importanza degli affetti e del prossimo. Il film di d’Alò punta su ritmi elevati e un dinamismo travolgente che lascia poco spazio ai momenti di distensione tipici de La gabbianella e il gatto: pochi gli attimi di respiro, ipercinetico il movimento dei singoli personaggi che danzano su paesaggi statici dall’accecante color pastello. Di tanto in tanto si perde la poesia delle opere precedenti, in un film forse un po’ monocorde, quasi condizionato dalla necessità di stringere i tempi del racconto, ma che rappresenta ancora un buon esempio di cinema d’animazione, libero dal ricorso a una tecnologia eccessiva. La narrazione spinge sull’acceleratore, senza però impedire all’occhio di spaziare su una tavolozza ricca di contrasti, dal blu plumbeo delle scene notturne ai giochi del paese dei balocchi, allucinato e perverso, simbolo di un divertimento narcisistico e fine a se stesso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly