adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Gli uomini preferiscono le bionde (1953)

giovedì 6 Settembre, 2012 | di Carmen Spanò
Gli uomini preferiscono le bionde (1953)
Festival
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

Speciale 69° Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia

VENEZIA CLASSICI
Alle origini del Mito
È il 1953 quando il capo della Fox, Darryl F. Zanuck, decide di acquistare i diritti di uno spettacolo teatrale tratto da un romanzo della sceneggiatrice Anita Loos. Per la parte di una delle due protagoniste, la prima scelta è Betty “le gambe” Grable, attrice di grande fama negli anni Quaranta ma sul viale del tramonto nel decennio successivo.

La Fox, non del tutto convinta, preferisce dare un’opportunità alla nuova bionda dello Studio, affiancandola a una star di sicuro richiamo: nasce così il duo Marilyn Monroe/Jane Russell, che sul grande schermo si traduce nel delizioso sodalizio di empatia femminile a danno e tormento di tutti Gli uomini (che) preferiscono le bionde. Inguainate in vestiti rosso fuoco, dalle movenze coordinate e maliziosamente sensuali, Russell e Monroe fanno il loro ingresso in scena in anticipo sui titoli di testa ed è subito chiaro che saranno loro a condurre il gioco. Ballerine professioniste e donne scaltrissime, Marilyn/Lorelei e Jane/Dorothy diventano il simbolo di un opportunismo cinico diluito in abbondanti dosi di accattivante ironia e seducente sfrontatezza. L’obiettivo è chiaro: accalappiare uomini ricchi o, in mancanza di altro, belli e fascinosi. Come in ogni duo che si rispetti, Lorelei e Dorothy si “dividono il campo” senza mai pestarsi i piedi bensì sostenendosi a vicenda in un legame di solidarietà che non manca, però, di alimentarsi di frecciatine reciproche sulle rispettive scelte. I dialoghi – costruiti su una struttura di corrispondenze perfette e dal ritmo sostenuto che non ammette fasi di rallentamento – sono una vera delizia, e creano i giusti tempi comici sui quali i caratteri dei personaggi si innestano per disvelarsi pienamente. Sarà (anche) perché dietro la macchina da presa c’è Howard Hawks? Maestro nel conferire autorialità alle forme e al contenuto del cinema di genere, Hawks punta sulla leggerezza del tocco che scalda la materia in un’aura di levità fluida e spumeggiante, nella quale pregi e difetti umani appaiono stemperati da un’adeguata dose di saggio humour. E se la Lorelei di Miss Monroe viene definita una “oca mercenaria dal magnetismo animale”, è il cinema che fa il verso a se stesso, si prende in giro alimentando un gioco delle parti a uso e consumo della Diva che verrà. Tra i molti “Grazie, stragrazie!” della sua amabile arrampicatrice sociale, Marilyn è pronta a dar vita alla versione mitica di se stessa. Inarrivabile per sensualità che trasuda da movenze, ancheggiamenti, battiti di ciglia e languore di sguardi, si concede anima e corpo ad un ruolo che regala all’immaginario collettivo sequenze tra le più suggestive e imitate. Un’opera godibilissima, dalla regia sicura e impeccabile, e con una Monroe sfavillante e in stato di grazia, nuovo simbolo erotico di una nazione persa nell’ipnosi dell’innamoramento.

Gli uomini preferiscono le bionde [Gentlemen Prefer Blondes, USA 1953] REGIA Howard Hawks.
CAST Marilyn Monroe, Jane Russell, Charles Coburn, Elliott Reid, Tommy Noonan.
SCENEGGIATURA Anita Loos, Joseph Fields (tratta dall’omonimo romanzo di Anita Loos). FOTOGRAFIA Harry J. Wild. MUSICHE Jule Styne, Hoagy Carmichael, Eliot Daniel, Lionel Newman.
Commedia/Musicale, durata 91 minuti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly