adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

The Bourne Legacy

lunedì 10 Settembre, 2012 | di Carmen Spanò
The Bourne Legacy
In sala
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

Eredità a rischio
Ci hanno fatto credere che lui fosse l’unico del suo genere. Ci hanno portato a pensare che il suo disumano addestramento fosse un esperimento isolato, perpetrato in nome di un fumoso patriottismo impreziosito dall’etichetta di “sicurezza nazionale”. Ci hanno mentito.

Jason Bourne, l’agente segreto alla divorante ricerca di memoria e identità, in fuga perenne da mentori e istruttori votati all’eliminazione delle loro stesse creature, è sempre stato solo la punta dell’iceberg: una spia potenziata e speciale tra tante altre “specialità”, menù umani dai quali poter scegliere in base ai programmi di appartenenza. The Bourne Legacy, quarto capitolo di una storia solo nominalmente legata al personaggio interpretato da Matt Damon, ci porta dietro quinte inaccessibili e letali, in contesti di alterazione genetica e comportamentale il cui fine ultimo sfugge agli stessi ricercatori coinvolti. Ci porta, in definitiva, fino ad Aaron Cross (Jeremy Renner) e al programma Outcome. Versioni “migliorate” e di efficienza superiore di Bourne e Treadstone, Cross e il suo nido di formazione costituiscono il sommerso che Dipartimento della Difesa e Servizi Segreti vogliono mantenere tale a qualsiasi costo. Se non fosse che l’inquieto Jason ci mette lo zampino e l’incubo diventa realtà, assumendo le forme travolgenti dell’effetto domino: con Treadstone irrimediabilmente compromesso, cominciano i guai anche per Outcome. L’alternativa è, come sempre, solo una: terminare il programma. Prende il via da questa strategia risolutiva la storia diretta da Tony Gilroy, qui in cabina di regia oltre che autore della sceneggiatura, e punta in alto. Sceglie la partenza giusta, dimostrando di aver appreso con perizia la lezione dell’amico Paul Greengrass: l’azione si innesta magnificamente su un’atmosfera che si nutre di suspense in modalità crescente. Peccato che, oltrepassato il punto di non ritorno, alla tensione si sostituisca l’intrattenimento soporifero del “già visto”. Ogni personaggio inizia ad agire, è proprio il caso di dirlo, secondo copione; fughe e combattimenti relegano sullo sfondo di un breve dialogo i conflitti etici derivanti dall’impiego manipolatorio della scienza; l’equilibrio tra scene d’azione e momenti rielaborativi si sbilancia a completo beneficio delle prime. Risultato: il danno è per il film che, presa in mano una promettente eredità ne depaupera in scelte sbagliate e frettolose il potenziale valore intrinseco. Neanche un villain degno di nota a rincorrere l’eroe in moto nella sequenza finale (chi non ricorda Keith Urban?); e poco, pochissimo, di quel dramma intimo eppur visibile nello sguardo di Bourne che tanto umano riusciva a rendere il suo “imbattibile” soldato. Non che Jeremy Renner non ci provi, ma quando il volto gelido e statico del deus ex machina dei programmi a incastro Eric Byer (Edward Norton, bravissimo) risulta – al netto dei virtuosismi di montaggio e della spettacolarità della messa in scena – l’immagine a più alto impatto visivo, significa che qualcosa si è perso nella (ri)costruzione dell’eroe. All’immancabile sequel l’ardua sentenza: lì scopriremo se la nuova generazione Cross avrà davvero diritto di cittadinanza filmica.

The Bourne Legacy [Id., USA 2012] REGIA Tony Gilroy.
CAST Jeremy Renner, Rachel Weisz, Edward Norton, David Strathairn, Stacy Keach.
SCENEGGIATURA Tony Gilroy, Dan Gilroy. FOTOGRAFIA Robert Elswit. MUSICHE James Newton Howard.
Azione/Avventura/Thriller, durata 135 minuti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly