adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Diabolik (1968)

mercoledì 7 Novembre, 2012 | di Filippo Zoratti
Diabolik (1968)
Film History
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

Psichedelia, superomismo, pop art. E una jaguar nera
In bilico tra esercizio di stile, sperimentazione colta e distruzione auto-ironica, Diabolik di Mario Bava è uno di quei film capaci di scatenare il giudizio critico, fra detrattori inorriditi e cultori totali.

Una diatriba che nel corso degli anni non ha fatto altro che aumentare l’alone mitico dietro ad una pellicola frutto di un compromesso con il mega-produttore De Laurentiis, disposto a concedere un budget risicato ma avido di incasso immediato. Con 200 milioni di lire a disposizione – somma piuttosto bassa per gli standard dell’epoca – Bava distillò nella trasposizione dell’omonimo fumetto creato da Angela e diabolik_2Luciana Giussani tutta la sua passione e il suo mestiere. Ma non fu sufficiente, perché a fronte di un incasso in sala di 260 milioni il progetto di produrre un sequel venne immediatamente abbandonato. Tralasciando stroncature feroci (tra tutte quella di Tullio Kezich, che considerava l’opera “uno dei più stupidi film degli anni Sessanta”) e scatenate riabilitazioni all’insegna di sopravvalutazioni cultural-artistiche, Diabolik va preso per quello che è: un lavoro orgogliosamente bislacco e stravagante figlio di un’epoca in cui convivevano l’impegno politico e iperrealistico alla Fernando Di Leo e la leggerezza strampalata e ultra-kitsch del Batman televisivo, quello con Adam West in calzamaglia e con le scritte onomatopeiche in sovrimpressione, che rendevano il telefilm simile ad un fumetto animato. E il lungometraggio di Bava sembra addirittura andare oltre al fumetto di riferimento, caricando la fotografia di colori saturi che guardano alla pop art e prosciugano all’osso la narrazione per concedere ampio spazio a barocchismi psichedelici e tocchi sarcastici. Non c’è trama, ma solo il ripetersi delle medesime situazioni: Ginko (Michel Piccoli!) tende una trappola a Diabolik, che puntualmente lo beffa. Per i puristi, tra gag farsesche e precipitose fughe in jaguar, c’è anche il tempo di storcere il naso: il film spazza via senza indugio ogni connotazione morale e natura anti-borghese del protagonista, e la bella quanto inadeguata Eva Kant interpretata da Marisa Mell si dimostra personaggio passivo e fatuo. Diabolik ed Eva navigano nelle banconote, amanti del lusso per il lusso; lui soddisfa i capricci di lei, lei si fa ingenuamente catturare durante una visita medica. E alla fine il ricordo più vivo destinato a restare impresso nella memoria è il nichilismo con cui vengono inquadrati i difensori della legge e i funzionari di Stato: un branco di deficienti, “zimbello della stampa locale”, marionette incapaci di intendere e volere. Più di ogni altra cosa, ecco la firma di Mario Bava. Perché anche in un film su commissione è possibile esprimere – chiara e necessaria – la propria idea della società e del mondo.

Diabolik [Id., USA/Italia/Francia 1968] REGIA Mario Bava.
CAST John Phillip Law, Marisa Mell, Michel Piccoli, Adolfo Celi.
SCENEGGIATURA Mario Bava, Dino Maiuri, Brian Degas, Tudor Gates. FOTOGRAFIA Antonio Rinaldi, Mario Bava. MUSICHE Ennio Morricone.
Poliziesco/Azione/Commedia, durata 101 minuti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly