adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

7° Festival Internazionale del Cinema di Roma

sabato 17 Novembre, 2012 | di Edoardo Peretti
7° Festival Internazionale del Cinema di Roma
Festival
0
Facebooktwittermail

Festival Internazionale del Film di Roma, 9-17 novembre 2012, Roma

Innamorarsi un giorno a Roma
Per un certo immaginario, soprattutto straniero, la città Eterna è anche una meta romantica ideale, per le sue atmosfere e i suoi colori, a coronare, o a far ripartire, una storia d’amore. Proprio l’amore, con i suoi effetti entusiasmanti e soprattutto con quelli deleteri sull’individuo, è un tema ricorrente in molti film selezionati per il concorso della 7° edizione del “Festival Internazionale del cinema di Roma”.

In queste opere il sentimento più raccontato nella storia del cinema e della letteratura viene inteso in molte sue varianti e partendo da ottiche diverse: amori spensierati a suon di musica, amori malati e ossessivi, anticamera della follia, così come quelli filtrati dall’immaginazione e dal cinema. Sono stravaganti storie d’amore i due migliori film della selezione: Main dans la main di Valérie Donzelli e A Glimpse Inside the mind of Charles Swan III del figlio d’arte Roman Coppola.
La regista francese, dopo La guerra è dichiarata, si riconferma con la storia lievissima e senza pretese di due persone, diversissime tra loro, che incontrandosi per la prima volta non riescono materialmente più a separarsi, venendo così obbligate a una convivenza forzata. La semplicità della storia è sublimata da una rafforzata consapevolezza stilistica e dal sagace tono fiabesco e surreale, nonché dal sapiente utilizzo delle armi della commedia e del musical: un cinema soave e onirico, capace di coinvolgere ed emozionare. In A Glimpse Inside the mind of Charles Swan III risuonano echi della New Hollywood, dei Coen, delle serie animate come I Griffin, fino ad arrivare alla Pop art e ai fumetti, il tutto in una cornice di grande libertà narrativa e stilistica. Charles Swan, a causa della mai sopita passione per il gentil sesso, è stato appena lasciato dalla sua ragazza, che inesorabilmente riappare nelle fantasie prodotte dalla sua fervida e stravagante immaginazione. Coppola, partendo dall’ossessione tipica di chi viene lasciato, mette in scena la figura di un “fallito” e di uno sconfitto che si affida all’immaginazione per sfuggire alla consapevolezza del suo stato. Il film, sotto la crosta di commedia divertente e visionaria, ha un cuore malinconico e amaro, regalando più di un sottotesto.
Anche i due film meno riusciti del concorso sono storie d’amore: E la chiamano estate di Paolo Franchi e Un enfant de toi di Jacques Doillon. Il film di Franchi, prodotto da Nicoletta Mantovani, racconta la deriva di un uomo che non riesce/vuole consumare con la moglie, e che per questo si lascia andare alla disperazione e alla perdita di autostima. Un film vuoto, supponente e arrogante (atteggiamenti confermati dal regista in conferenza stampa) nel suo voler apparire a tutti costi come film d’arte, farcito di una volgarità effettiva e soprattutto intellettuale, compiaciuto e pruriginoso. Anche nel film di Doillon gli stereotipi del “film d’autore” sono alla base di un’opera pretenziosa e di dubbia utilità, che fa continuamente il verso a Jules e Jim, dimenticandosi che il film di Truffaut riusciva a raggiungere il senso profondo e assoluto del sentimento rappresentato soprattutto grazie al formidabile linguaggio cinematografico, elemento che sembra essere del tutto assente nel film di Doillon, ripetitiva e stancante vicenda di due ex sposi che si inseguono, si sfuggono e si riprendono, per la quale è calzante il vecchio modo di dire “cinema dell’ombelico”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly