adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Tutto su mia madre (1999)

sabato 1 Dicembre, 2012 | di Luca Giagnorio
Tutto su mia madre (1999)
Film History
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

1 DICEMBRE, GIORNATA MONDIALE CONTRO L’AIDS
All about women
Dedicato a Bette Davis, alle attrici, agli uomini che recitano e si trasformano in donne, a tutte le persone che vogliono essere madri, Tutto su mia madre è sicuramente uno dei film più ambiziosi di Pedro Almodovar.

Se infatti da un lato è molto riconoscibile il tocco del regista spagnolo, dai molteplici personaggi femminili su cui si concentra la narrazione all’ironia pungente nel raccontare ambiguità sessuale e rapporti di coppia non convenzionali (la suora Rosa che aspetta un bambino da un transessuale), dall’altro Almodovar vuole riflettere sul cinema stesso, sul ruolo dell’attore, sulla recitazione come palliativo alle difficoltà e sofferenze della vita. Metacinema quindi, dove tutte le protagoniste si troveranno a recitare, chi per professione, chi per passione, chi direttamente nella propria vita per sfuggire ai giudizi della “gente perbene”. Almodovar, fin dalla prima scena (o meglio, fin dal titolo), rivela il fil rouge con la sua fonte d’ispirazione Eva contro Eva, arrivando poi ad esplicitarlo attraverso la reincarnazione della Margot di Bette Davis nel personaggio dell’attrice di lungo corso Huma, in un artificio (troppo sfacciatamente?) cinefilo che coinvolge anche Tennessee Williams e il suo Un tram che si chiama desiderio. Proprio qui, in questo gioco citazionista che scomoda mostri sacri del cinema e del teatro, si trova il punto debole del film, incapace sia di descrivere con sufficiente profondità donne sofferenti a causa di scelte sbagliate e crudeli scherzi del destino, sia, con una strategia opposta, di metterne davvero alla berlina contraddizioni, difetti e discutibili relazioni interpersonali. Almodovar è quindi lontano dall’acutissima e implacabile cattiveria di Mankiewicz, trovandosi a cedere, specie sul finale, a qualche eccesso di buonismo un po’ stucchevole. Meglio delle punte melodrammatiche i momenti da commedia in cui l’umorismo sfacciato, imperfetto e spumeggiante dell’Almodovar sceneggiatore ha piena consacrazione (un plauso in particolare all’irresistibile transessuale Agrado: “l’unica cosa che ho di vero sono i sentimenti e i chili di silicone”), così come si conferma la sua grande sensibilità nel costruire personaggi femminili pieni di debolezze e coraggiosi allo stesso tempo, consacrati da uno sguardo ironico ma sempre affettuoso: “una persona è più autentica quanto più assomiglia all’idea che ha sognato di se stessa”. Marginali, al solito, gli uomini che, in un mondo di donne sole, privati del loro teorico “ruolo guida”, cambiano sesso o, causa vecchiaia, sono accuditi da moglie e cane. L’unico barlume di speranza è il giovane e sensibile Esteban, appassionato di cinema e teatro, che viene portato via da un destino crudele. Solo così la storia può cominciare: it’s all about women, Pedro non si smentisce mai.

Tutto su mia madre [Todo sobre mi madre, Spagna 1999] REGIA Pedro Almodovar.
CAST Cecilia Roth, Marisa Paredes, Penélope Cruz, Antonia San Juan.
SCENEGGIATURA Pedro Almodovar. FOTOGRAFIA Affonso Beato. MUSICHE Alberto Iglesias.
Commedia/Drammatico, durata 101 minuti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly