adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

The Master

sabato 5 Gennaio, 2013 | di Leonardo Cabrini
The Master
Speciale
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

“Mi sa che tu sei uno mezzo matto…”
Approcciarsi a The Master significa rimanere spiazzati. Lasciando da parte ogni riferimento a percorsi autoriali (approccio talvolta fuorviante), ciò che rimane è l’esperienza sgangherata di una visione un po’ confusa, un po’ disorientata.

Certo è, che dinanzi ad una storia che ci racconta del carisma di un guru spirituale e del suo protetto, ci si aspetterebbero ampi discorsi dal sapore politico e sociale.the_master2a Quando si parla di sette religiose, molto spesso si è propensi a elucubrare su tematiche predefinite: il rapporto (esoterico) tra individuo e comunità (in questi casi ristretto ed esclusivo), la necessità della presenza di un leader, la cieca ideologia, l’innegabile controcanto concreto ad ogni spiritualità con l’incursione (spesso violenta) del denaro. Non che tali problematiche non appaiano in The Master, ma sono trattate in maniera talmente sbrigativa da risultare, quasi, incidenti di percorso. In realtà il film è talmente debole dal punto di vista dei contenuti, da giocare tutto il proprio carisma nella forma attrazionale di un delirio psicotico. Intervallato da scene madri apparentemente inconsistenti (due su tutte, il ballo del ramingo e la corsa in moto nel deserto), il film si avvale delle performance attoriali dei protagonisti (spicca un Philip Seymour Hoffmann più camaleontico e professionale del gigionissimo Joaquin Phoenix) lavorando maniacalmente sulla costruzione (e, soprattutto, sulla decostruzione) dei climax. Qui sta il fascino psicopatico di un prodotto che sfrutta la capacità circense del cinema. Lasciando (parzialmente) da parte incursioni dal sapore politicizzante, la vera consistenza tematica di The Master sta proprio nell’innata propensione a rimanere attratti dall’ammaliante eccentricità del pazzo e dell’illuminato.
Speculare al proprio soggetto, l’ultimo lavoro di Paul Thomas Anderson non si cura di dirci granché; ciò che gli importa è sedurci. Proprio come il leader di una setta.

The Master [Id., USA 2012], REGIA Paul Thomas Anderson.
CAST Joaquin Phoenix, Philip Seymour Hoffman, Amy Adams, Laura Dern.
SCENEGGIATURA Paul Thomas Anderson. FOTOGRAFIA Mihai Malaimare Jr. MUSICHE Jonny Greenwood.
Drammatico, durata 144 minuti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly