adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Intervista a Patrice Leconte

sabato 20 Luglio, 2013 | di Daniel Paone
Intervista a Patrice Leconte
Festival
0
Facebooktwittermail

XXXII Premio Internazionale alla Miglior Sceneggiatura Cinematografica “Sergio Amidei”, Gorizia 19 – 25 luglio 2013

Abbiamo incontrato Patrice Leconte a Gorizia, dove ha ricevuto il Premio Opera d’Autore 2013. Prima di assistere alla proiezione de L’uomo del treno e intrattenersi in sala con il pubblico, il regista francese ha concesso un’intervista esclusiva a Mediacritica:

Un premio importante quello che le consegnano oggi. E’ il primo che riceve in Italia? Quanto è rimasto sorpreso da questo riconoscimento e della retrospettiva che l’Amidei le ha dedicato?
Nel 1997, Ridicule ha vinto il David di Donatello come miglior film straniero. Ma questo omaggio mi rende particolarmente felice perché l’Amidei è un festival attento alla scrittura cinematografica, che ritengo la base del mio mestiere.
In questi giorni vedremo un’ampia rassegna dei suoi film. Ero curioso di sapere a quale è più affezionato e se ce n’è uno che ritiene particolarmente riuscito nonostante sia stato sottovalutato da critica e/o pubblico.mediacritica_intervista_a_patrice_leconte
Nessuno in particolare ma la migliore ricompensa, più di ogni premio ricevuto, più del giudizio unanime della critica, è vedere le sale piene di gente e di giovani. I film che portano tante persone al cinema sono quelli che mi hanno dato le maggiori soddisfazioni.
Dunque preferisce il pubblico alla critica? Immagino non sia solo una questione economica!?
Si, il pubblico, senza dubbio. E di certo non per riempirmi le tasche. Il concetto è piuttosto un altro: per chi facciamo i film? Per andare al Festival di Cannes? Per ricevere premi? Per sedurre la critica? Fa piacere ma non è quello il fine. I film si fanno per gli spettatori e quando escono dalla sala devono poter dire di aver visto qualcosa di bello. Si dovrebbero fare solo per questo motivo.
Ora mi viene in mente che ieri ho visto Holy Motors, forse non proprio un esempio di quello che ha appena detto! O meglio, non un film per il grande pubblico.  Esiste una formula per accontentare sempre tutti?
Si, ho visto anche io Holy Motors, ha ragione. Ad ogni modo, anche se realizziamo un film per noi stessi, io penso sempre al momento in cui la gente entra in sala e si prepara a vederlo. Ma la verità è che io faccio film che prima di tutto piacciano a me, con la speranza che poi soddisfino anche il pubblico. Per un regista la “formula” è essere fieri del proprio lavoro, non ho mai fatto nulla che non mi piacesse.
Cosa ne pensa del cinema francese contemporaneo e qual è, se c’è, un film recente che l’ha particolarmente colpita?
In Francia si fanno troppi film per ragioni sbagliate. C’è la televisione, Canal Plus, i distributori, le società finanziarie, tutti poco attenti a vedere la differenza tra un buon prodotto ed uno mediocre. I produttori che ci riescono sono sempre più rari. Due film che ho amato molto, invece, sono Marius e  Fanny di Daniel Auteuil, rivisitazioni della trilogia di Pagnol.
Lei ha lavorato con i Cahiers du Cinéma. Oggi legge la critica cinematografica? Come pensa sia cambiata con l’avvento di Internet?
Non leggo più niente. Quando trovo critiche cattive sui film che faccio preferisco non leggerle. Ogni tanto ci sono anche articoli positivi ma non leggo neanche quelli, me li segnalano gli amici. Su internet, per quanto sia una persona abbastanza informatizzata non conosco neanche i siti che si occupano di critica cinematografica. Non mi appassionano i forum, le discussioni, i blog. Sono di un’altra generazione!
C’è un progetto importante che ha sempre sognato di fare ma non ha mai potuto realizzare?
Sogno di fare una commedia musicale. Il mio ultimo film in qualche modo lo era ma vorrei fare qualcosa di diverso e di più sperimentale. Guardo un sacco di commedie musicali, i film di Bollywood; la musica e la danza mi interessano ma è molto complicato perché è stato già fatto tutto in questo ambito.
Ci ha provato Wim Wenders con Pina 3D…
Esatto, quello è un buon esempio. Io non so se mai ci riuscirò. Al limite farò un film pornografico… no sto scherzando!
Perché non lo fa davvero, non c’è niente di artistico e originale nella pornografia… aspettando di vedere Lars Von Trier. 
Von Trier mi innervosisce. Secondo me la pornografia è un ghetto. I film sono fatti in due giorni, senza soldi, senza storie, senza attori. Credo che se andassi da un produttore proponendo un’idea diversa mi direbbe “no, vanno benissimo così”. Ma ora ci penso, vorrà dire che farò un film pornografico musicale!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly