adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Gianni Amelio

mercoledì 28 Agosto, 2013 | di Valentina Di Giacomo
Gianni Amelio
Festival
0
Facebooktwittermail

SPECIALE AUTORI VENEZIA 70 – PARTE II
Ragazzo “dentro”
Ha raccontato la vita nei suoi bisogni primari: la fame, la povertà, la lotta per la sopravvivenza. Con sguardo lucido e delicato, mai riduttivo, né consolatorio, in più di quarant’anni di carriera Gianni Amelio ci ha raccontato di padri inadeguati e assenti, di figli abusati e abbandonati, storie di sottosviluppo e di estremo abbandono, di emigrazione e diffidenza, di un’umanità sola, quasi sempre sconfitta, storie che in una qualche misura appartengono tutte al suo vissuto, ma che non per questo si limitano ad attingere ai ricordi e alla memoria personale dell’autore.

Calabrese di San Pietro Magisano, classe 1945, figlio di un padre diciassettenne e una madre quindicenne, Gianni Amelio cresce in una famiglia povera, senza padre, sostanzialmente allevato dalla nonna materna, che insiste per farlo studiare.mediacritica_gianni_amelio1 Il debutto nel mondo del cinema avviene nel 1965 quando, ancora studente di Filosofia all’Università di Messina, Vittorio De Seta lo assume come assistente volontario per Un uomo a metà: da allora, oltre a svolgere il ruolo di aiuto regista, Amelio – sotto pseudonimo – scrive sceneggiature di film western e collabora a decine di spot pubblicitari, fino all’esordio come regista nella serie televisiva dei “Programmi Sperimentali” Rai con La fine del gioco (1970). Qui, la storia del piccolo Leonardo, segna non solo l’inizio della lunga carriera del regista calabrese, ma costituisce un momento-chiave nell’espressione del credo personale e della poetica d’autore.
Inizialmente più attivo per il piccolo piuttosto che per il grande schermo – da La fine del gioco a I velieri (1983), passando per La città del sole (1973), Bertolucci secondo il cinema (1976), La morte al lavoro (1978), Effetti speciali e Il piccolo Archimede (1979) -, è con Colpire al cuore (1982) che il regista realizza il primo lungometraggio per il cinema, lavoro che aprirà la stagione più fortunata della sua carriera. Al suo apice negli anni Ottanta e Novanta, la filmografia di Amelio ci regala alcuni tra i migliori film italiani di quegli anni: I ragazzi di via Panisperna (1988), Porte aperte (1990), Il ladro di bambini (1992), Lamerica (1994), fino al culmine di Così ridevano (1998), opera premiata con il Leone d’oro alla 55a Mostra del Cinema di Venezia. Regista sempre in viaggio nei suoi film, anche nei suoi ultimi lavori Amelio continua a raccontare i deboli e gli sconfitti – La stella che non c’è (2006), Le chiavi di casa (2004), Il primo uomo (2011) -, continuando incessantemente a descrivere, attraverso i moti fisici dei suoi personaggi, le loro traiettorie sentimentali nascoste nei cortocircuiti dell’anima. Sempre attento al qui e ora, anche quando racconta il passato e l’altrove; mai banale. Consapevolmente rivolto alla Storia, ma soprattutto agli oppressi che la subiscono, il lavoro di Gianni Amelio è uno dei risultati più significativi raggiunti dal cinema italiano contemporaneo. Un cinema rigoroso dal punto di vista stilistico-formale, e passionale, che a una ben precisa dichiarazione di intenti – un profondo senso di fratellanza con coloro che si trovano a dover soddisfare i bisogni elementari nella vita, i poveri, affianca il trasporto palpitante dell’invenzione artistica, riuscendo a raggiungere, in alcuni casi, la precisione del resoconto storico e la valenza dello studio antropologico.
In concorso alla 70a Mostra del cinema di Venezia con la commedia L’intrepido (interpretata da Antonio Albanese), il suo è uno tra i ritorni più attesi. Attendiamo con ansia di sentirci raccontare un’altra delle sue storie, questa volta ambientata nel nostro tempo di crisi, una delle nostre storie. Per riflettere con lui sull’Italia di oggi e sui suoi nuovi poveri ed esclusi, senza compiangerci.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly