adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Hong Kong Express (1994)

sabato 21 Settembre, 2013 | di Marco Longo
Hong Kong Express (1994)
Film History
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

SPECIALE WONG KAR-WAI
Frammenti di un discorso amoroso
Forse Hong Kong Express non sarebbe il primo, vero, capolavoro riconosciuto di Wong Kar-wai se non fosse stato girato durante le pause di lavorazione del molto più complesso Ashes of Time. Certamente il sentimento di profonda incertezza, la convergenza di generi e la libertà narrativa sono carismi che accomunano molte opere del regista di Hong Kong, e più in generale l’arte postmoderna cui il suo cinema va meritevolmente ricondotto.

Ma la fertile provvisorietà di Hong Kong Express e della sua realizzazione nutre a ogni istante i sentimenti di perdita e solitudine che questa (doppia) storia veicola, divenendo allo stesso tempo racconto locale – il problema dell’identità culturale di Hong Kong, storicamente divisa tra Cina e Occidente − e universale − il riconoscibile e condiviso smarrimento dell’intera società post-industriale di fronte alle relazioni uomo-donna e all’amore. Wong Kar-wai mediacritica_hong_kong_express_290decide di muoversi lungo questo smarrimento lavorando anzitutto alla manipolazione dello spazio e del tempo: Hong Kong, ritratta a Tsimshatsui e nelle labirintiche Chungking Mansions, non è mai una cartolina riconoscibile, un luogo risolto, ma una metropoli di assordante ambiguità, rizomatica e caleidoscopica, tanto che la possibilità di ricostruire una cartografia affidabile risulta immediatamente annullata dalla discontinuità dei percorsi e dei corpi, e lo spazio appare rideterminato dai vettori che ogni personaggio traccia con il proprio girovagare. Allo stesso modo, Wong Kar-wai lavora sulla frammentazione del tempo, contrapponendo il tempo lungo dell’attesa a quello brevissimo della fuga o dell’inseguimento amoroso, congelando la solitudine dei personaggi all’interno del singolo frame mentre, grazie alla tecnica dello step framing, il resto della ripresa, e del mondo dunque, si muove a doppia velocità. Così la storia del poliziotto abbandonato dalla fidanzata che si invaghisce di una criminale e quella della ragazzetta che, attratta da un altro poliziotto, si introduce nella sua casa per cambiarne l’arredamento, sembrano per un attimo paradossalmente anche sfiorarsi, ma mai intersecarsi davvero: ad accomunarli al contrario è un sentimento di non appartenenza alla realtà, la necessità di lottare per inseguire i propri desideri, perché questi desideri sono ultime parvenze di vita cui aggrapparsi, proprio come per la California Dreamin’ dei The Mamas & the Papas, ripetuta all’infinito e al massimo volume. Di questo film così disorganico, e tuttavia compiuto, così frettoloso e instabile nella confezione, e tuttavia formalmente ineccepibile, resterà specialmente l’attenzione di Wong Kar-wai per le piccole cose, per le immagini sottili con cui consente anche (soprattutto?) al pubblico occidentale di identificarsi col dolore di personaggi indimenticabili.

Hong Kong Express [Chonqin senlin, Hong Kong 1994] REGIA Wong Kar-wai.
CAST Tony Leung, Takeshi Kaneshiro, Brigitte Lin, Faye Wong, Valerie Chow.
SCENEGGIATURA Wong Kar-wai. FOTOGRAFIA Christopher Doyle, Andrew Lau.
MUSICHE Frankie Chan, Michael Galasso, Roel A. García.
Drammatico, durata 98 minuti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly