adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

The Act of Killing – L’atto di uccidere

mercoledì 30 Ottobre, 2013 | di Filippo Zoratti
The Act of Killing – L’atto di uccidere
Viennale
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

51. Viennale – Vienna International Film Festival, 24 ottobre – 6 novembre 2013, Vienna

La coscienza dell’assassino
“La Storia la fanno i vincitori”, sentiamo dire ad un certo punto dello sconcertante documentario The Act of Killing. Un’affermazione tanto veritiera quanto soggettiva, che si porta appresso un’ovvia domanda: fino a che punto i governi e le loro maestranze possono spingersi nel ricostruire la memoria collettiva, plasmandola a loro piacimento e giustificando i propri misfatti senza vergogna?

Il regista texano Joshua Oppenheimer apre un varco spazio-temporale davanti ai nostri occhi esterrefatti, proponendoci una vicenda nazionale tanto surreale e assurda da sembrare frutto della fantasia di un abile sceneggiatore. E invece no: tra il 1965 e il 1966 l’esercito depone il mediacritica_the_act_of_killinggoverno indonesiano con un colpo di Stato. Lo fa reclutando giovani paramilitari e piccoli fuorilegge dediti al bagarinaggio di biglietti del cinema, ai quali viene impartito un unico ordine: uccidere. Uccidere i sindacalisti, la minoranza etnica cinese, i contadini e gli intellettuali comunisti. Un genocidio tutt’ora privo di alcuna revisione politica e/o sociale, che eleva gli assassini ad eccezionali eroi della Patria invece che a brutali criminali. La “caccia al comunista” prosegue anche oggi, la dittatura comanda ogni mezzo di comunicazione con conseguenze devastanti: i libri di Storia indonesiani continuano a spiegare le purghe in termini di difesa e sovranità, i sicari di allora sono trattati con stima e vengono omaggiati dai ministri, mentre in totale relax percorrono le strade di Giacarta. La cinepresa decide di inseguire in particolar modo uno dei personaggi più famigerati e rappresentativi di quel massacro, Anwar Congo. Ed è a questo punto che avviene lo scarto tra la convenzionalità di un documentario storico e l’irripetibile testimonianza di The Act of Killing. Ad Anwar viene infatti chiesto di girare un film che ripercorra le gesta della sua gioventù, rimettendo in scena le torture e gli omicidi ad uso e consumo delle nuove generazioni. In set elaborati e minuziosamente ricostruiti entriamo nell’abisso delle sue scellerate azioni e di folli e auto-indulgenti motivazioni (pare che il termine “gangster” significhi “free man”, e ci piacerebbe sapere attraverso quale bizzarro etimo). Per evitare un eccessivo spargimento di sangue le persone venivano strangolate col fil di ferro, e beatamente finivano nel paradiso degli assassinati, immaginato con cascate e donne danzanti, dove i morti avevano finalmente l’opportunità di ringraziare gli uccisori per la pace eterna. Come a dire che nella totale mancanza di rielaborazione culturale la banalità del male giustifica ogni atto. Ma cosa resta allora ad una nazione violentata, se un regime può permettersi di dichiarare apertamente di fondarsi su palesi crimini contro l’umanità? Forse una lenta e pur primitiva presa di coscienza, come mostrano le ultime immagini di questo sconvolgente e spaventoso documento.

The Act of Killing – L’atto di uccidere [The Act of Killing, Gran Bretagna/Danimarca/Indonesia 2012] REGIA Joshua Oppenheimer.
SOGGETTO Joshua Oppenheimer, Christine Cynn, Anonymous. FOTOGRAFIA Carlos Arango de Montis. MUSICHE Elin Oyen Visten.
Documentario, durata 159 minuti (director’s cut).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly