adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Alberi

mercoledì 4 Dicembre, 2013 | di Marco Longo
Alberi
Festival
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

FilmMaker Festival, 29 novembre-8 dicembre 2013, Milano

Tra due immagini c’è un bosco
Dopo la presentazione e il successo al MoMa di New York, arriva al Milano FilmMaker l’ultimo lavoro di Michelangelo Frammartino, Alberi, una “cine-installazione” che, con profonda libertà e coerenza, conferma e rinnova la ricerca del proprio autore.

Alberi riprende, strappandolo all’oblio, un rituale arboreo attivo a partire dal Medioevo presso Satriano di Lucania: quello dei romiti, uomini-albero avvolti di edera al limite dell’irriconoscibilità, che bussavano alle case del paese per chiedere l’elemosina. Si tratta di un rituale specifico della Lucania, terra etimologicamente legata al culto dei boschi, che col tempo è stato assimilato all’immaginario della maschera e si è perduto. Il lavoro di Frammartino, muovendosi tra passato e presente, rielabora i materiali del rituale e li trasfigura in immagini, rendendo visibile ciò che rischiava di diventare invisibile perché dimenticatomediacritica_alberi. Nel tentativo di ricostruire questo evento – qualcosa di più aperto di un racconto, capace cioè di trasformarsi di occhi in occhi e di ricorrenza in ricorrenza – Frammartino si pone anzitutto il problema di come creare una relazione con lo spettatore, lasciandolo libero di scegliere cosa e come guardare. In questo senso la sua regia è esemplare per lo sforzo di mettere in crisi, in modo sottile, la tradizione visiva, ribaltando la gerarchia tra primo piano (gli uomini) e sfondo (gli alberi, la natura), dotando anzi il background di una dignità inedita. Dopo un emozionante piano sequenza immersivo, tutto girato nel bosco fino alla rivelazione del piccolo paese lucano, assistiamo alla preparazione del rito, in cui la figura umana gradualmente si trasfigura in presenza “vegetale”, con immagini aperte, percettivamente oscillanti tra finzione e documentario, pianificazione e caso, ordine e disordine. Questa ambivalenza dell’immagine, in cui l’elemento inanimato del bosco prende letteralmente vita, accompagna l’ingresso dei romiti nel paese, ora circondato dal verde delle foglie, fino all’inquadratura finale in cui la macchina da presa viene inghiottita tra le fronde, e tutta la storia può ricominciare, concedendo grazie all’uso del loop la possibilità di un ciclo infinito che annulla il tempo e il concetto stesso di inizio o conclusione. Il cinema di Michelangelo Frammartino, votato alla ricerca dell’invisibile, della parte mancante, di ciò che si nasconde dentro l’immagine, chiama in causa lo spettatore e lo impegna a cercare di fare proprio il film, anzi di fare il proprio film. Diceva Wim Wenders che tra due immagini c’è un luogo, alludendo all’esistenza di uno spazio da cercare e assimilare con la visione. Documentando warburghianamente ciò che sarebbe potuto accadere – grazie a Alberi infatti il rituale dei romiti sta rinascendo in Lucania – Michelangelo Frammartino ha donato allo spettatore, tra le su immagini, un bosco.

Alberi [Italia 2013] REGIA Michelangelo Frammartino.
SCENEGGIATURA Michelangelo Frammartino. FOTOGRAFIA Ita Zbroniec-Zajt.
Cine-installazione, durata 28 minuti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly