adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Mamma, ho perso l’aereo (1990)

sabato 28 Dicembre, 2013 | di Giulia Zen
Mamma, ho perso l’aereo (1990)
Film History
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

SPECIALE FILM DI NATALE
“A family comedy without the family”
“Il film ebbe anche in Europa un successo inatteso e, per le sue proporzioni, inesplicabile.” Leggendo il giudizio del Morandini e buttando un’occhiata alle basse percentuali di punteggio assegnate a Home Alone da diversi database online, viene da chiedersi come mai la critica risulti sempre un po’ in ritardo rispetto al successo di un’uscita cinematografica.

Perché, a giudizio di chi scrive, la popolarità di Mamma, ho perso l’aereo non è poi così ingiustificata. E lo dimostra il tutt’altro che trascurabile ritorno spettatoriale che il titolo raccoglie ad ogni passaggio natalizio. Chris Columbus raffigura il legante generazionale tra gli anni Ottanta delle superproduzioni (I mediacritica_mamma_ho_perso_l_aereo_290Goonies) e gli anni Novanta di produzioni meno pompate ma pur sempre di discreta popolarità (Mrs. Doubtfire). Il 1990 è non solo la svolta definitiva tra i due periodi cinematografici, ma soprattutto un anno d’oro: trionfando al botteghino e successivamente con premi e nomination vari, Mamma, ho perso l’aereo rappresenta per Columbus la definitiva consacrazione di cineasta dei ragazzi e per i ragazzi. Come suggerisce il titolo iniziale, che riprende uno degli slogan promozionali del film, la pellicola in questione rovescia tutti i codici della commedia familiare, in cui fino ad allora a prevalere è stata la famiglia, appunto. Ed è così che si riesce a trattare il tipico rapporto amore-odio con i propri genitori/fratelli, la paura dell’ignoto, il passaggio dall’infanzia alla pre-adolescenza, semplicemente in maniera furtiva (il caos dell’inizio e della fine) o distanziale (tutto il corpus del film), e soprattutto unicamente tramite gli occhi di un bambino. Quasi come una maledizione da contrappasso alla Topolino e la magia del Natale, in cui i tre poveri paperi sono costretti a rivivere continuamente il 25 dicembre per capirne l’importanza della caducità, o alla Jumanji, in cui ventisette anni di giungla bastano per ricordare l’affetto per i propri genitori, Kevin McCallister si ritrova in una casa enorme completamente solo, subito dopo aver pregato di esserlo. In seguito al rovesciamento della situazione ordinaria, si ha quindi l’installazione dello “straordinario”, abbattendo tutti i codici prescritti della vita adulta. Ma allo straordinario c’è sempre una fine, e così Kevin è costretto ad affrontare quanto mai prematuramente responsabilità, paure e infantili preconcetti. Il paradosso, inoltre, si affaccia con l’aiuto che il protagonista apporta all’anziano vicino, affinché quest’ultimo si riavvicini ai propri cari. Nel confronto tra le due generazioni, conciso e quanto mai d’effetto, rientra in sostanza tutta la morale del film. La maturazione del bambino proseguirà nel seguito (Mamma, ho riperso l’aereo: mi sono smarrito a New York) che, seppur flop di critica e botteghino, rappresenta un altrettanto valido, spassoso e geniale sequel.

Mamma, ho perso l’aereo [Home Alone, USA 1990] REGIA Chris Columbus.
CAST Macaulay Culkin, Joe Pesci, Daniel Stern, John Heard, Robert Blossom.
SCENEGGIATURA John Hughes. FOTOGRAFIA Julio Macat. MUSICHE John Williams.
Commedia, durata 102 minuti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly