adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

La fontana della vergine (1960)

sabato 8 Marzo, 2014 | di Marco Longo
La fontana della vergine (1960)
Film History
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

SPECIALE RAPE & REVENGE
L’inesorabilità di un rito
Visto a oltre cinquant’anni dalla sua realizzazione, La fontana della vergine nulla sembra aver perduto della propria forza originaria, ribadendo la modernità delle scelte di Bergman nell’affrontare la storia di violenza e vendetta che il nucleo primigenio del film – l’antica ballata La figlia di Töre – portava con sé.

Alla pari de Il settimo sigillo, girato tre anni prima, anche La fontana della vergine si colloca storicamente nel controverso Medioevo svedese (siamo intorno al 1200), tratteggiato senza concessioni come un’epoca di inesauribili contraddizioni, in cui all’estrema brutalità faceva da contraltare la sete di magia e contatto col divino ugualmente spartita tra cristiani e pagani.mediacritica_la_fontana_della_vergine1a In questa cornice di spiccate commistioni culturali si inscrivono le psicologie pulsionali ma problematiche dei personaggi del racconto, tutto incentrato sull’attesa di una violenza già ampiamente presagita e sulle conseguenze che questo atroce atto porta con sé: la dinamica lineare degli eventi che, passando attraverso lo stupro della giovane vergine Karin, conduce alla vendetta di suo padre Töre contro i pastori colpevoli, fino all’atto di espiazione catartica che sotto al corpo di Karin vede scaturire una sorgente miracolosa, assume in questo modo i connotati di un vero e proprio rituale collettivo, di iniziazione crudele al mondo, destinato a segnare l’esperienza di tutti, carnefici compresi. L’inesorabilità della vicenda spinge Bergman ad attuare un capovolgimento ideale delle priorità di messinscena, privilegiando alla descrizione articolata degli snodi narrativi il ritratto, spesso in primo piano, dei personaggi e delle loro emozioni: sulla costruzione della sequenza prevale così l’istante dell’inquadratura, che grazie all’essenziale contributo di Sven Nykvist, qui alla sua prima collaborazione con Bergman, palesa la grazia del proprio debito al cinema muto. Il film si conferma in ultima analisi uno straordinario catalogo di immagini rituali: il maleficio lanciato da Ingeri in apertura, il rospo racchiuso tra le focacce, lo stupro stesso, lo sradicamento dell’albero di betulla, il taglio dei suoi rami e il bagno che precedono la furia di Töre, la fedele adesione ai ritmi del giorno e della notte, il coltello della vendetta piantato sul tavolo, fino al miracolo conclusivo che solo in parte compensa il dolore del lutto. Sotto questa angolazione alla morte di Karin viene affiancata quella del giovane pastorello che accompagna gli stupratori della ragazza, assistendo impotente alla loro efferata crudeltà. Ecco perché La fontana della vergine ci racconta di un martirio ben più lato e problematico, che prescinde dall’idea di giustizia umana o divina: il martirio degli innocenti.

La fontana della vergine [Jungfrukällan, Svezia 1960] REGIA Ingmar Bergman.
CAST Max von Sydow, Brigitta Valberg, Gunnel Lindblom, Brigitta Pettersson.
SCENEGGIATURA Ulla Isaksson. FOTOGRAFIA Sven Nykvist. MUSICHE Erik Nordgren.
Drammatico, durata 89 minuti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly