adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Prossima fermata Fruitvale Station

sabato 15 Marzo, 2014 | di Michele Galardini
Prossima fermata Fruitvale Station
In sala
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

Il confine fra realtà e finzione
Nel giorno in cui nel mondo si saluta il 2008, nella Bay Area californiana Oscar Grant sta organizzando un’uscita con la sua ragazza e un gruppi di amici per andare a vedere i fuochi d’artificio. Oscar è un giovane padre, ancora non consapevole del suo ruolo ma deciso quanto basta per cercare di cambiare il corso della sua vita, fino a quel momento, abbastanza travagliata. In quella sera di capodanno Oscar viene ucciso da un gruppo di poliziotti razzisti alla fermata di Fruitvale e il suo futuro si chiude proprio quando stava per aprirsi una luminosa finestra.

Ricostruzione degli ultimi giorni di vita del vero Oscar Grant, Prossima fermata Fruitvale Station del regista Ryan Coogler riesce là dove tanto cinema arranca, cioè nell’immersione dentro l’universo dei personaggi. Prendendo spunto da un terribile fatto di cronaca, il film si astrae dalla dimensione puramente documentaristica,mediacritica_prossima_fermata_fruitvale_station dalla cronaca di un atto di insensata ignoranza e costruisce attorno al protagonista una forte tensione drammatica con i tempi propri del cinema. Se togliessimo la prima e l’ultima sequenza, vere riprese di repertorio del momento dell’uccisione e del sit-in svoltosi nel 2013 in ricordo di Oscar, potremmo benissimo parlare di una storia come tante, di un pretesto come un altro per mettere in mostra sentimenti, sogni, scontri e quant’altro di personaggi sconosciuti, che vivono solo all’interno dello spazio-tempo filmico. Così non è, la prima sequenza non è finzione, anche se gli strumenti tecnologici in nostro possesso nella vita di tutti i giorni e l’avvicinamento del cinema a forme più fluide e dinamiche di ripresa, ci fanno dubitare dello statuto di verità delle immagini. La pallottola che si conficca nella schiena del giovane è vera, il cinema si avvicina alla vita e viceversa, capiamo che ogni volta che vediamo un filmato su Youtube, in un modo dove tutto è registrato e a disposizione, stiamo compiendo un atto non passivo di conoscenza. Vediamo Oscar morire e poi iniziamo a conoscerlo grazie al medium cinema, al quale perdoniamo alcuni trucchi, come le immagini premonitrici della tragedia, perché siamo felici di non fermarci al fatto registrato amatorialmente, perché siamo stufi di essere bombardati da video che non hanno sussistenza, da un presente che ha perso la possibilità di essere sincero. Dubitiamo dello statuto delle immagini, ma non possiamo dubitare di quelle che vediamo nel film di Coogler perché abbiamo chiara la distinzione fra finzione e realtà e abbiamo chiari gli strumenti che regolano l’una e l’altra. Senza fingersi altro, senza sostituirsi alla vita reale, senza eccedere nella ricerca di compiacimento, il cinema può ancora raccontare il mondo in modo straordinario. Fruitvale Station ne è un esempio.

Prossima fermata Fruitvale Station [Fruitvale Station, USA 2013] REGIA Ryan Coogler.
CAST Michale B. Jordan, Melonie Diaz, Kevin Durant, Chad Michael Murray, Ahna O’Reilly.
SCENEGGIATURA Ryan Coogler. FOTOGRAFIA Rachel Morrison. MUSICHE Ludwig Göransson.
Biografico/Drammatico, durata 85 minuti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly