adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

All Things to All Men

mercoledì 9 Aprile, 2014 | di Juri Saitta
All Things to All Men
Inediti
1
Facebooktwittermail
Voto autore:

A metà strada
All Things to All Men è un action-thriller che non interessa e non coinvolge emotivamente lo spettatore, né con le sequenze d’azione, né con la costruzione dei personaggi. Risultato di una scelta d’autore o fallimento di un’operazione che avrebbe dovuto essere appassionante? Le due ipotesi convivono.

Infatti, il regista George Isaac cerca di rendere il suo lavoro intrigante e riflessivo allo stesso tempo, ma purtroppo non ci riesce quasi mai, nonostante le possibilità che ha davanti: la trama d’inseguimento tra “guardie e ladri” sarebbe interessante se non fosse eccessivamente intricata; il ritmo narrativo risulta incessante, ma è talvolta interrotto da pause e lentezze non sempre necessarie; le mediacritica_All-Things-To-All-Mensequenze d’azione sono ben girate, ma mai particolarmente spettacolari e dominate soprattutto da un sottofondo musicale invadente; i personaggi hanno risvolti personali e intimistici, ma che nella maggior parte dei casi vengono solo superficialmente accennati. Se tutto ciò è dovuto alla difficoltà del cineasta di unire i plurimi elementi del film o di compiere, in alternativa, una scelta netta tra intrattenimento e “impegno”, è necessario affermare che l’assenza di empatia e di coinvolgimento risulta almeno in parte voluta e giustificata. Non è un caso, per esempio, che nessun personaggio possegga almeno un po’ di simpatia: nel mondo tratteggiato dal regista tutti agiscono solo per i propri scopi egoistici, che siano dettati da questioni economiche o da problemi più intimi e personali. In tal senso, l’aspetto più interessante dell’opera è la quasi totale equiparazione tra i poliziotti e i trafficanti, tra le forze dell’ordine e i criminali, non solo nei mezzi illeciti e violenti, ma anche nei fini: infatti, si scopre gradualmente quanto Parker – il detective che guida l’indagine – sia corrotto e corruttibile come, e forse più, di coloro che dovrebbe combattere. Atteggiamento che, almeno nei metodi, viene complessivamente accettato anche dai piani alti di Scotland Yard, come scoprirà il giovane investigatore Dixon. Inizialmente secondario, tale personaggio è l’unico che subirà un’evoluzione psicologica interessante: da ligio e vulnerabile poliziotto a cinico e violento tutore dell’ordine costituito. Fare il detective è dunque un lavoro sporco, sembra suggerire Isaac, con un film a metà strada tra la pura evasione e la critica al sistema, tra musiche roboanti e piccole pause riflessive. Tutti elementi non sempre coniugati al meglio, che nel complesso indicano più uno smarrimento linguistico che una consapevole intenzione autorale.

All Things to All Men [id., Gran Bretagna 2013] REGIA George Isaac.
CAST Toby Stephens, Rufus Sewell, Mark Badham, Gabriel Byrne, Leo Gregory, Gil Darnell.
SCENEGGIATURA George Isaac. FOTOGRAFIA Howard Atherton. MUSICHE Thomas Wanker.
Thriller, durata 86 minuti.

One Comment

  1. Anonimo says:

    Ma è normale che all’interno del film ci siano brani di colonne sonore di altri film? Osservando poche scene, vi si riconoscono uno dei temi di “Dracula di Bram Stoker” e un altro (ripetuto più volte) di “Grosso guaio a Chinatown”. Mi ritengo un discreto cinefilo e, a parte qualche somiglianza nelle varie colonne sonore, non mi era mai capitato un caso simile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly