adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Un americano a Parigi (1951)

sabato 23 Agosto, 2014 | di Juri Saitta
Un americano a Parigi (1951)
Film History
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

23 AGOSTO – OMAGGIO A GENE KELLY
La finzione svelata
Come accade in molti musical, anche in Un americano a Parigi la regia e i numeri ballati e cantati enunciano volutamente e continuamente la natura fittizia dell’opera. Tutto ciò non lo dimostra solo l’ultima sfarzosa, complessa e, in certi momenti, palesemente teatrale coreografia – che con i suoi diciassette minuti di durata risulta quasi un film dentro il film -, ma anche la meno spettacolare prima parte.

Si pensi, per esempio, alla brillante sequenza d’apertura, in cui il pittore, il pianista e lo showman di successo si presentano in voice over rivolgendosi direttamente al pubblico, il quale viene guidato nella visione: infatti, i personaggi indicano allo spettatore la propria immagine,mediacritica_un_americano_a_parigi “correggendo” indirettamente una regia che non li inquadra mai fin da subito. Le idee umoristiche e autoironiche dello sceneggiatore Alan Jay Lerner e del regista Vincente Minnelli non sono però le sole a rendere evidente la messa in scena, ma vanno citate anche le coreografie create ed eseguite da Gene Kelly, in particolare quelle presenti durante i primi trenta minuti. Il riferimento va soprattutto a due numeri: quello nella caffetteria dove i tre amici cantano imitando il tedesco e quello in cui Kelly si esibisce davanti a un gruppo di bambini. Dal punto di vista dell’immagine, tali sequenze risultano semplici e piuttosto “realiste”, ma sono quasi completamente autonome dal soggetto narrato (la storia d’amore tra lo squattrinato pittore americano e la ragazza parigina) e sembrano perciò realizzate per dimostrare in primis la bravura di Gene Kelly come ballerino. Ed è proprio questo distacco da qualsivoglia giustificazione drammatica a rendere evidente il forte intento spettacolare che in modo più o meno sobrio domina tutto il film. In tal senso, queste coreografie risultano persino più emblematiche di quelle presenti nella seconda parte, visivamente più fantasiose, oniriche e teatrali, che hanno una maggiore coerenza con il racconto in quanto descrivono i sentimenti d’amore, speranza e frustrazione dei protagonisti. Due sono dunque i tipi di numeri musicali: da un lato, quelli “realistici” ma indipendenti dalla vicenda; dall’altro quelli esplicitamente costruiti in studio, ma legati alle emozioni dei personaggi narrati. Due modi con cui le sequenze danzate e cantate possono meravigliare lo spettatore e palesare l’identità fittizia di un’opera cinematografica, in quello che è uno dei generi più metafilmici di Hollywood: il musical.

Un americano a Parigi [An American in Paris, USA 1951] REGIA Vincente Minnelli.
CAST Gene Kelly, Leslie Caron, Oscar Levant, Georges Geary, Nina Foch, Eugene Borden.
SCENEGGIATURA Alan Jay Lerner. FOTOGRAFIA Alfred Gilks, John Alton. MUSICHE Johnny Green, Saul Chaplin.
Musical, durata 109 minuti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly