adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Divinity: Original Sin

mercoledì 5 Novembre, 2014 | di Massimo Padoin
Divinity: Original Sin
videogiochi
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

Quel “gioco” che ti piaceva tanto sta tornando di moda
Ci sono prodotti che una volta tiravano e che ora non tirano più: è il segno ineluttabile dell’industria culturale, pace all’anima di chi – anacronisticamente – vorrebbe vedere sempre sulla cresta dell’onda realizzazioni che ripropongono meccaniche del passato.

Altre volte invece ci sono prodotti che una volta andavano e passato un periodo di purgatorio sono tornati alla ribalta, mantenendo inalterato lo spirito d’altri tempi. Divinity: Original Sin è solo uno dei tanti videogame che guardano con ammirazione a una generazione passata e che con coraggioso intento hanno quello di riportarla in auge.mediacritica_divinity_original_sin_290 Prodotti nati al di fuori da produzioni “tripla A” ma che in casi specifici (come la serie Souls di From Software) sono diventati dei veri e propri fenomeni di massa. È innegabile che da qualche anno a questa parte sia iniziata una radicalizzazione sempre maggiore tra i due poli del pubblico, casuals e hardcore gamers, che però non ha prodotto uno sbilanciamento nel frazionamento del mercato, trovando invece per entrambi un’utenza abbastanza numerosa da alimentare le due diverse tipologie di games. Proprio il successo che ha baciato l’ultimo Divinity esclude un’assenza d’interesse a meccaniche non immediate o complesse, mostrando al contrario la faccia di un pubblico fin troppo spesso massificato dai grandi publisher, i quali sembrano preferire prodotti che mirano verso la semplificazione non solo delle meccaniche, ma del gioco stesso. Original Sin non si riduce a dialogare solo con i nostalgici: nonostante mantenga una forte predisposizione alla statistica e alla tabulazione, evita d’incancrenirsi troppo su una gestione del personaggio numerica trovando una via di mezzo nell’interfaccia, non semplice a prima vista ma lo stesso intuitiva. Complessa e profonda come allo stesso modo i combattimenti, il mai troppo amato sistema a turni ripropone un gameplay collaudato che è sia strategico che intuitivo (occhio però a non lanciarsi a capofitto negli scontri, perché il livello conta eccome). Detto ciò, quello che più piacevolmente colpisce in Divinity è la profondità narrativa, ponte tra generazione passata e contemporanea, tanto da essere in un certo senso l’elemento principe dell’intera produzione. La coppia di protagonisti creata non si limita ad esistere ma deve interagire: siamo artefici nella scelta delle risposte che i due, in particolar modo, si scambiano tra di loro nei dialoghi, interpretando sia l’uno che l’altro (se si gioca in single ovviamente) e divenendo allo stesso tempo due poli di pensiero che vanno a definire indirettamente il carattere – e quindi le statistiche – di ognuno dei due. La gestione stessa delle quest non prevede mai di dirigersi da un punto A a un punto B ma richiede un’indagine che passi attraverso gli altri PNG presenti sulla mappa, e in questo si predilige un approccio all’azione meno immediato, tanto da costringerci a riflettere su ciò che ci viene detto. Insomma Divinity: Original Sin rappresenta uno degli esempi di spicco di una convergenza tra passato e presente, perfettamente integrato nel contesto culturale dei games di oggi. È vero, non potrà parlare a tutti, ma di certo si avvicina ad una fetta di pubblico troppo spesso considerata muta.

Divinity: Original Sin [Belgio 2014] SVILUPPATORE Larian Studios.
DISTRIBUTORE Larian Studios. PIATTAFORME Pc.
Gioco di ruolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly