adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Queen of the Desert

sabato 14 Febbraio, 2015 | di Michele Galardini
Queen of the Desert
Festival
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

65° Festival Internazionale del Cinema di Berlino, 5 – 15 febbraio 2015, Berlino

Herzog nascosto dentro Herzog
La storia di Gertrude Bell, nobildonna inglese dal carattere indomabile che, a cavallo di un dromedario e della Prima Guerra Mondiale, contribuirà non poco a mediare fra Occidente e Medio Oriente. Ancora oggi gli arabi considerano il suo diario di viaggio uno dei pochi in grado di raccontare dall’interno e con sincerità il mondo dei beduini e degli sceicchi di inizio Novecento.

In una Berlinale povera di personaggi/autori in grado di smuovere le masse (lo scorso anno Von Trier e Wes Anderson catalizzarono l’attenzione) a farla da padroni quest’anno sono Malick e Herzog: il primo svegliatosi improvvisamente da un torpore che gli aveva impedito di fare più di cinque film in 30 anni, il secondo infaticabile esploratore di un cinema che non esisterà più. Queen of the Desert, in concorso alla 65a Berlinale, sembra mediacritica_queen_of_the_desert_2dimostrare proprio l’impossibilità di un cinema estremo in contesti dove l’autore ridotto, o elevato, al rango di rock star è obbligato a perpetrare se stesso per soddisfare un pubblico scelto e attentissimo ad ogni caduta/deviazione. Herzog ha sempre rifuggito, senza troppa fatica, da questa classificazione, anche quando tutto avrebbe fatto pensare al contrario (vedi L’alba della libertà) ed è perciò abbastanza doloroso dover parlare di un suo film come di un ottimo prodotto, invece che come un’illuminazione. La regina del deserto da lui descritta è Nicole Kidman, figlia bellissima della Hollywood fin de siècle, che si strugge d’amore raccogliendo, ahilei, pochissimi frutti, che viaggia impavida attraverso il deserto alla ricerca di libertà tessendo le fila dei rapporti fra mondo arabo e Inghilterra (anche se lei negherà sempre di essere una spia agli ordini di Sua Maestà). Un biopic che lascia poco all’immaginazione, limitandosi al racconto. Non basta che Herzog sappia (de)scrivere meglio di altri, perché da lui ci si aspetta sempre che qualcosa infiammi le immagini, avvolgendole di significati che vanno oltre l’idea stessa di “messaggio” autoriale, divenendo emozione personale di ogni spettatore. Sicuramente Queen of the Desert non nasce dalla stesse necessità di Little Dieter needs to fly, Paese del silenzio e dell’oscurità, Fitzcarraldo e via di seguito, ma fa ben poco per farsi ricordare al pari di altri film, anche meno blasonati, del regista tedesco. Se non fosse per le stupende riprese che ogni tanto spezzano il ritmo della trama, alcune mozzafiato in picchiata sul deserto, altre immobili semplicemente da guardare e rimirare, ci si potrebbe quasi abituare alla normalità della regia: ma poi queste riprese arrivano, sorprendendoci, e allora vorremmo che l’opera fosse composta solo da loro, dalla danza curvilinea delle dune, dall’immagine filiforme di una donna che fronteggia il deserto, dalla torre in pietra divenuta roccaforte di un grasso avvoltoio. Ogniqualvolta Herzog abbia fatto ricorso ad attori hollywoodiani per le sue biografie sotterranee il risultato non è mai stato entusiasmante: Christian Bale in L’alba della libertà, Tim Roth in Invincible, non hanno niente a che vedere con i capolavori interpretati da Klaus Kinski o Bruno M. Avrete capito che chi vi scrive aveva riposto aspettative enormi nei confronti del film, ritenendo il regista il più grande autore vivente, quindi non fatevi condizionare oltremodo da queste parole e prendetele come il frutto di un’illusione che continua a vivere in chi, ancora, pensa che il cinema possa rendere il mondo un posto più bello.

Queen of the Desert [id., USA 2015] REGIA Werner Herzog.
CAST Nicole Kidman, James Franco, Damina Lewis, Robert Pattinson.
SCENEGGIATURA Werner Herzog. FOTOGRAFIA Peter Zeitlinger. MUSICHE Klaus Badelt.
Drammatico/Storico, durata 125 minuti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly