adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

The Jazz Singer (1927)

sabato 14 Febbraio, 2015 | di Alex Tribelli
The Jazz Singer (1927)
Film History
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

SPECIALE JAZZ AL CINEMA
“You ain’t heard nothin’ yet”
Il 1927 è indubbiamente l’anno più importante della Storia del Cinema, secondo solo a quello della sua nascita ufficiale (1895), dato che per la prima volta il pubblico poté udire parole “pronunciate” dalle stesse immagini.

Certo, non era una novità per gli spettatori dell’epoca assistere a spettacoli cinematografici musicati da pianisti o orchestre in diretta, oppure accompagnati dalla voce di imbonitori che commentavano le immagini proiettate sullo schermo: il cinema muto non era mai stato veramente muto! Ma nella seconda metà degli anni Venti, mediacritica_the_jazz_singer1ail progresso tecnologico raggiunse quella perfezione ricercata ormai da molto tempo: sincronizzare assieme immagini in movimento e suoni (musica, rumori, dialoghi). Fu la Warner Bros. a produrre il primo film parlato della Storia del Cinema grazie al sistema Vitaphone – in grado di registrare suoni su dischi fonografici – evitando, tra l’altro, il fallimento verso cui era destinata: The Jazz Singer diretto da Alan Crosland e interpretato da Al Jolson. In realtà, già l’anno precedente la stessa casa di produzione aveva distribuito un film con musiche e rumori sincronizzati – Don Juan, sempre di Crosland – ma senza alcun dialogo. Rivisto oggi, The Jazz Singer appare in sé un film mediocre e in linea con il già codificato stile classico hollywoodiano; vi si racconta di un ragazzo ebreo che, seppur ostacolato dalla famiglia, riesce a coronare il suo sogno e diventare un cantante jazz. Tuttavia, è innegabile la sua importanza storica per almeno tre motivi. Il primo (e più ovvio) è che diede origine al cinema sonoro anche se, al di là delle sequenze musicate, i dialoghi parlati contenuti nel film sono davvero miseri: qualche manciata di parole pronunciate dallo stesso Jolson mentre i restanti sono affidati alle tradizionali didascalie. Ma sono bastate poche battute per esercitare sugli spettatori dell’epoca un effetto inimmaginabile. Il secondo motivo riguarda la nascita di un nuovo genere cinematografico: il musical. È evidente che, soltanto nel momento in cui il cinema diventa sonoro – con tutte le problematiche tecniche a esso connesse e il rifiuto da parte di molti registi e attori del muto di adeguarsi al cambiamento, è possibile trasporre sul grande schermo gli spettacoli recitati, ballati ma soprattutto cantati, già in voga nei palcoscenici statunitensi. Infine, con The Jazz Singer entra prepotentemente nelle colonne sonore dei film quel genere musicale che, nato nelle comunità afroamericane del profondo Sud a inizio Novecento, divenne uno dei simboli incontrastati della cultura statunitense: il jazz. Siamo, infatti, nel pieno dei “ruggenti anni Venti” e il jazz fa da sfondo all’epoca del liberismo sfrenato, del proibizionismo e del gangsterismo. Lo stesso film, del resto, adotta un tipico stereotipo dell’epoca: l’uomo bianco che, dipintasi la faccia di nero, parodia gli inventori del jazz. Anche se di quel jazz non può proprio farne a meno.

The Jazz Singer [Id., USA 1927] REGIA Alan Crosland.
CAST Al Jolson, May McAvoy, Warner Oland, Eugenie Besserer, Richard Tucker.
SCENEGGIATURA Alfred Cohn. FOTOGRAFIA Hal Mohr. MUSICHE Louis Silvers.
Musicale/Drammatico, durata 88 minuti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly