adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Citizenfour

sabato 18 Aprile, 2015 | di Michele Galardini
Citizenfour
In sala
9
Facebooktwittermail
Voto autore:

Nelle segrete stanze della rivoluzione
Nel 2013 Ed Snowden è un trentenne che lavora per la Booz Allen Hamilton, una società di consulenza che opera su mandato e favore del governo degli Stati Uniti. Ed, come altri, è un esperto informatico e, come pochi, ha accesso ad un quantitativo sproporzionato di dati sensibili della popolazione, in quanto amministratore di sistema all’interno di una struttura della NSA (National Security Agency).

Una volta capito che il governo usa questi dati non per proteggere ma per spiare un numero enorme di persone in giro per il mondo, Ed si rifugia a Hong Kong e, per i suoi pochi interlocutori fidati, diventa “Citizenfour”. mediacritica_citizenfour_290Per capire l’importanza del documentario di Laura Poitras è assolutamente necessario pensarlo sia come chiusura di un trittico sugli Usa iniziato con My county my country (2006) e proseguito con The Oath (2010), sia come un’operazione di scrittura collettiva che coinvolge, oltre alla regista, i giornalisti Glenn Greenwald e Ewen McAskill del Guardian, lo stesso Snowden e una serie personaggi che ruotano attorno al Datagate, fra cui anche Julian Assange. La cosa migliore è entrare in sala con la convinzione che Citizenfour si tratti di una ricostruzione dei giorni di latitanza del giovane Snowden, una sorta di finzione o ri-messa in scena meccanica, per quanto veritiera, di eventi, una via di mezzo critica e dirompente fra Michael Moore e Joshua Oppenheimer. Entrando con questo spirito, l’impatto con la figura asciutta di Ed, stretto fra le mura e i cuscini bianchi di un anonimo, seppur bellissimo, hotel asiatico acquista una potenza che va oltre il semplice riconoscimento del valore delle sue rivelazioni, divenendo testimonianza storica. Le certezze vacillano, i dubbi trovano conferma, la macchina da presa fibrillante fatica a tenere il fuoco sul soggetto, quasi fosse sfuggente pur nella sua immobile presenza, destabilizzando noi e tutti gli strumenti insensibili che lo stanno riprendendo. A differenza di Michael Moore che costruisce sull’accumulo di anomalie un racconto di finzione aumentata grazie ai grafici e alle animazioni, la Poitras racconta il momento, l’istante, le conversazioni con Greenwald che daranno vita ai primi articoli del Guardian, le lettere della fidanzata di Snowden, totalmente all’oscuro del suo progetto, pedinata e controllata peggio di una terrorista, le reazioni di Snowden alle tribune politiche televisive. La cornice è sì composta da udienze, testimonianze di soggetti terzi e materiale extradiegetico, ma il cuore del progetto rimane lì, chiuso fra le mura di un nascondiglio o stretto fra i caratteri delle conversazioni crittate. In quei (non)luoghi possiamo sentirci complici di un atto rivoluzionario, anche se solo per due ore, stare in bilico, sorretti dalla suspense, in attesa di un messaggio in risposta, sospesi, sul finale, sull’ultimo dei tanti acronimi e delle tante sigle scritto su di un foglietto ad indicare il bersaglio dei droni segreti: Potus (President of the United States).

Citizenfour [id., Germania/USA 2014] REGIA Laura Poitras.
CAST Edward Snowden, Glenn Greenwald, Ewen McAskill, Julian Assange, Jacob Appelbaum.
FOTOGRAFIA Kirsten Johnson, Trevor Paglen, Laura Poitras, Katy Scoggin.
Documentario/Thriller, durata 120 minuti.

9 Comments

  1. Andrea says:

    Michele, sai che tipo di distribuzione ha il film?

  2. Buffalo '66 says:

    E’ un peccato gigante che la distribuzione lo abbia reso praticamente un film invisibile…

  3. Chiara Ch says:

    intanto pare che aprirà il Biografilm Festival a Bologna.

  4. Buffalo '66 says:

    Veramente?? Al Biografilm non ci sono mai stato, potrebbe essere l’occasione buona… Avessi visto lì Sugar Man mi sarebbe probabilmente venuto un infarto 🙂

  5. Nicole Braida nicole says:

    In Germania era uscito al cinema ma ovviamente l´ho perso

  6. Andrea says:

    Appena visto…un film necessario e che mette i brividi per la lucidità con cui è girato e la verità che traspare dalle immagini. Una verità che ci coinvolge tutti.

  7. Nicole Braida nicole says:

    visto! qui in Germania é appena uscita l´edizione in dvd. Pazzesco. Dice una gran cosa. Chi davvero crede in qualcosa lo dimostra con le proprie azioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly