adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Ecce Bombo (1978)

sabato 18 Aprile, 2015 | di Stefano Lalla
Ecce Bombo (1978)
Film History
8
Facebooktwittermail
Voto autore:

SPECIALE NANNI MORETTI
Vitelloni ma idealisti
A distanza di un anno dal suo primo film, Io sono un autarchico, il giovane e antipatico Nanni Moretti torna con un film personale e a basso budget. Ecce Bombo non parla specificamente degli studenti universitari, ma li colpisce comunque perché racconta il loro futuro di piccola e media borghesia di estrema sinistra.

Seguiamo le vicende di quattro ragazzi, tutti ex sessantottini imbruttiti che si trovano a non avere uno scopo nella vita. Michele vive coi genitori e dà ripetizioni ai ragazzi del liceo, Vito è un impiegato, Goffredo è uno studente universitario fuori corso e Mirko è un ragazzo stralunato e problematico. mediacritica_ecce_bombo_290Il quartetto vaga senza una direzione precisa, tra le serate al bar, le riunioni di autocoscienza, i cinema di periferia e i licei occupati. Rivoluzionari ma inconcludenti, idealisti ma svogliati, sono “pesci in un acquario” che si muovono sullo sfondo di una Roma periferica, distante mille miglia dagli scorci da cartolina. Il massimo della loro intraprendenza è andare sulla spiaggia di Ostia per vedere l’alba, solo per scoprire che il sole è già apparso alle loro spalle. Ecce Bombo non rappresenta una gioventù disillusa perché, nonostante tutto, i protagonisti continuano a credere nei propri ideali rivoluzionari, seppure in maniera passiva e astratta. Le utopie non sono morte, sono solo scadute e puzzano di latte cagliato. Nonostante ciò, in Ecce Bombo non c’è alcuna nostalgia per il Sessantotto e lo stesso vale per tutta la filmografia di Moretti, compreso il suo periodo più anti berlusconiano. Cosa tiene in piedi una narrazione così sfilacciata? Come al solito ci pensa la qualità dei singoli sketch (tragi)comici: Ecco Bombo introduce una lunga serie di personaggi e di battute che sono diventate patrimonio comune, conferendo al film lo status di cult. Si tratta, probabilmente, della pellicola più citabile di Moretti, basti ricordare i vari “Faccio cose, vedo gente” e “Mi si nota di più se vengo e me ne sto in disparte o se non vengo per niente?”. Ecce Bombo ci ha regalato un vero armamentario di frasi che sfottono la paradossale figura del giovane borghese di estrema sinistra, ma non solo: “Te lo meriti Alberto Sordi!” è la frase simbolo di una battaglia al qualunquismo condiscendente di una certa commedia, che perdona tutto e strizza l’occhio ai vizi degli italiani. In questo film viene fuori il ritratto del primo Nanni Moretti, un grandissimo e geniale rompiscatole che non si accontenta di criticare politica e poteri forti ma prende di mira anche i giovani, le sinistre (anche quelle studentesche ed extraparlamentari) e la commedia all’italiana “impegnata ma non troppo”. In seguito il panorama politico è mutato rapidamente e il regista trentino ha abbandonato il tema dei giovani per dedicarsi a un impegno politico più maturo, ma il primo periodo della sua filmografia rimane il più audace per la sua difficile posizione di giovane autore che critica spietatamente i suoi coetanei e, quindi, il suo potenziale pubblico.

Ecce Bombo [Italia 1978] REGIA Nanni Moretti.
CAST Nanni Moretti, Luisa Rossi, Giauco Mauri, Lorenza Ralli, Fabio Traversa.
SCENEGGIATURA Nanni Moretti. FOTOGRAFIA Giuseppe Pinori. MUSICHE Franco Piersanti.
Commedia, durata 103 minuti.

8 Comments

  1. Anonimo says:

    mi si nota più se commento qua o sulla vostra pagina facebook?

  2. Roberto P says:

    Grandissimo film, lo rivedo una volta l’anno!!

  3. The Duke says:

    Grande film, Grande Nanni. Grande anche Albertone, però XD

  4. Paco says:

    Personalmente non vedo un Nanni Moretti che “ride “sui sessantottini,è invece a mio parere una fotografia impietosa dell’essere rivoluzionario,di credere in un sogno con qualche idea un pò confusa.Più che altro traspare una autoironia sul’68 degno dei primi films di Godard

  5. Camilla says:

    “Faccio cose, vedo gente…” in assoluto il mio Nanni preferito! 🙂

  6. Kaiser Franz says:

    Il mio Moretti preferito. (Regista trentino solo di nascita, comunque, eh…)

  7. Stefano says:

    Faccio i complimenti ai redattori che si sono smazzati per linkare a youtube tutte le scene che ho citato. È anche il mio Nanni preferito!

  8. Frances says:

    Film splendido. Certamente ancora acerbo da un punto di vista stilistico, ma rimane il mio Moretti del cuore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly