adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

L’uomo con la macchina da presa (1929)

sabato 9 Maggio, 2015 | di Erasmo De Meo
L’uomo con la macchina da presa (1929)
Film History
3
Facebooktwittermail
Voto autore:

SPECIALE DALLA RUSSIA CON AMORE
(In)dimenticato cinema puro
Treni, ponti, binari, auto, marciapiedi, collegano migliaia di persone che si muovono in direzioni differenti, apparentemente in un caos indifferenziato e irrisolvibile. Ma ecco all’inizio del secolo, al nascere della società di massa, l’apparizione della cinepresa, un occhio meccanico che può registrare ogni cosa senza alcun filtro e tra queste ordinare, far emergere collegamenti prima invisibili, attribuire significato, creare un senso, un’opinione.

Nel 1929 Dziga Vertov è stato ormai costretto ad abbandonare, per motivi politici ed economici, il suo progetto del Kinoglaz (Cineocchio) in cui assieme ad un gruppo di cineoperatori, detti Kinoki, intendeva realizzare un processo di “cinematizzazione delle masse” attraverso film da cui fosse assente il concetto assolutamente borghese di recitazione. Le immagini dovevano rappresentare nient’altro che la realtà “colta sul fatto”, ma dagli infiniti mondi registrabili mediacritica_l_uomo_con_la_macchina_da_presa_290dallo sguardo onnisciente e onnivoro della macchina da presa era necessaria una selezione, un ordinamento, che si allontanassero dai meccanismi rappresentativi delle altre arti, su tutte la letteratura, e parlassero con una “lingua” ed una grammatica del tutto cinematografiche. Un’immagine ricorrente e quasi ossessiva de L’uomo con la macchina da presa mostra una donna impegnata nella catalogazione di materiale filmico contenuto in più bobine. Davanti a lei c’è una parete con scaffali pieni di pellicola, spezzoni, segmenti, ciascuno contenente un unico soggetto o un’unica inquadratura e più volte vediamo prima la donna considerare uno degli spezzoni, poi la pellicola con alcuni fotogrammi e poi vediamo quell’immagine in movimento, proiettata sul nostro schermo o sullo schermo di un’altra sala. Siamo spettatori, prima che del film, del lavoro del regista che taglia, seleziona, considera, monta, mostra. È appunto il montaggio lo strumento principe del regista secondo Vertov, che può vedere in ogni spezzone, in ogni soggetto, un “film che produce film” innumerevoli, in ciascuno dei quali il regista può dare a quello spezzone un significato differente. Ma questa interpretazione individualista del molteplice non piaceva al governo sovietico, che rinunciò a finanziare ulteriormente il Kinoglaz. L’uomo con la macchina da presa è quindi quel che resta di quell’idea di cinema spogliata del suo valore politico, è puro linguaggio, è cinema-montaggio assoluto, ed è probabilmente per questa sua purezza che risulta ancora oggi valido e moderno, capace di indicare una feconda direzione per l’arte-cinema ancora poco battuta, quasi accantonata tra gli sperimentalismi fini a se stessi e che invece meriterebbe una nuova riflessione e revisione innanzitutto in sede critica.

L’uomo con la macchina da presa [Čelovek s kinoapparatom, URSS 1929] REGIA Dziga Vertov.
SCENEGGIATURA Dziga Vertov. FOTOGRAFIA Mikhail Kaufman, Gleb Troyanski. MONTAGGIO Yelizaveta Svilova, Dziga Vertov. MUSICHE A. Gran, M. Veisbein, V. Endrziewski (su indicazioni di Dziga Vertov).
Documentario, durata 67 minuti.

3 Comments

  1. Alessandro says:

    Dove posso trovare la colonna sonora o il film con queste musiche, completo?

    • Erasmo says:

      Non esiste una registrazione “originale” nella selva delle innumerevoli sonorizzazioni composte per questo film. L’unico adattamento, a mia conoscenza, basato sulle indicazioni di Vertov e collaboratori è quello del 1983, eseguito dall’ensemble Un Drame Musical Instantané e reperibile in passato anche su youtube (ora eliminato per copyright). Ora è disponibile in vinile qui (http://amzn.to/2hw5Id5) o puoi ascoltare estratti qui (http://bit.ly/2hw7RFz) e qui (http://bit.ly/2iu46Pm). Altrimenti c’è una copia non so quanto affidabile e di qualità piuttosto scadente ma con l’accompagnamento completo e sincronizzato qui (http://bit.ly/2hz8tvW).
      Spero di esserti stato utile!

  2. Stefano says:

    ottima recensione!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly