adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Babadook

sabato 18 Luglio, 2015 | di Lisa Cecconi
Babadook
In sala
10
Facebooktwittermail
Voto autore:

“Più cerchi di negarlo, più io divento forte”
Ci sono cose che i bambini non dovrebbero sapere. Tipo che il padre è morto per portare la mamma a partorirli. Samuel lo sa fin troppo bene e la questione gli crea qualche problema nel vivere un’infanzia reputata normale. Ma se il figlio è ossessionato da un mostro che sente incombere sulla sua famiglia, anche la mamma non sta molto meglio.

Prima di un film horror, Babadook è un film sulla solitudine di una mamma e di un bambino alle prese con il lutto. Una riflessione, a tratti amaramente caustica, sulle emozioni pubblicamente inaccettabili, come il dolore protratto della perdita o il rifiuto della maternità. La società non ha bisogno di chi soffre, di chi porta il lutto nel cuore per anni o di chi esterna il suo disagio con segnali allarmanti di instabilità emotiva. Per questo ci sono gli psicologi, gli mediacritica_babadook_290assistenti sociali, le medicine che fanno dormire. Tutto un impianto che relega il “problema” nei confini sicuri del socialmente innocuo. “Samuel ha solo bisogno di essere compreso” protesta la mamma davanti al preside. Ma è lei la prima a schermirsi col silenzio, a rifiutare persino di nominare il marito, a negarsi di guardare in faccia il suo rigetto verso il bambino. La casa diventa allora luogo disforico e angoscioso, impregnato della sofferenza di chi la occulta tra le sue pareti. I toni grigi e freddi dell’ambiente domestico si fanno specchio di un’esistenza tetra, ormai svuotata del suo significato, mentre la luce e le tonalità pastello colorano solo il mondo esterno. Con un equilibrio che vacilla soltanto nella parte finale, Jennifer Kent dissemina il film di dettagli funesti, tra i quali non manca l’omaggio a tutti i topoi del genere horror: dalle ramificazioni scheletriche degli alberi alle lampadine a intermittenza, dall’invasione di scarafaggi alle ante che si aprono da sole, fino alla cantina come luogo per nascondere il rimosso. Ma, inseriti nel contesto realistico di una realtà che è già un incubo da sola, tutti gli elementi funzionano semmai da contrappunto ironico all’accumulo di un’inquietudine ben più sottile ed insidiosa. La regia la costruisce abilmente a partire dagli strumenti più semplici, come i disegni spaventosi sulle pagine di un libro pop-up o il riverbero delle suggestioni che provengono dalla tv. Fiabe nere e lupi cattivi, cinema muto e cartoni animati, Howard Thurstone e perfino Méliès ammiccano tra le fessure di un impianto tutto sommato solido, per raccontare – neanche troppo metaforicamente – l’orrore più grande che può affliggere un bambino: la parte della madre che lo vorrebbe morto.

Babadook [The Babadook, Australia/Canada 2014] REGIA Jennifer Kent.
CAST Essie Davis, Noah Wiseman, Daniel Henshall, Hayley McElhinney, Barbara West.
SCENEGGIATURA Jennifer Kent. FOTOGRAFIA Radek Ladczuk. MUSICHE Simon Njoo.
Horror/Drammatico, durata 93 minuti.

10 Comments

  1. Marco Ics says:

    Mica male! … e che paura 🙂

  2. Gianduia says:

    Peccato non si giochi benissimo le carte nel finale, perché per 3/4 l’ho trovato un signor horror. Mi ha colpito in particolare l’ambiguità che si crea, quasi polanskiana: non si capisce se l’elemento soprannaturale effetivamente c’è, o se è la rappresentazione della madre che perde del tutto la brocca.

  3. Vins says:

    Io l’ho trovato assolutamente perfetto! Un cupissimo dramma familiare travestito da horror intimista..E che dire della stop-motion burtoniana che sa di favola nera? Per me è strepitoso, riesce a stare in equilibrio tra lo straniamento polanskiano e la ghost story di taglio classico

  4. Wilder 87 says:

    Il film mi ha convinto pienamente, finale compreso, soprattutto dal punto di vista metaforico. Inoltre mi sono piaciuti anche i diversi omaggi cinefili: da Melies a Nosferatu! Davvero un ottimo horror!

  5. Stefano says:

    Mi ha fatto venire la strizza per un’oretta. Nel finale è un po’ scaduto.

  6. Kleofe says:

    Mi avete fatto venire voglia di vederlo…anche se devo ammettere che non sono un amante del genere…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly