adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Per chi suona la campana (1943)

sabato 29 Agosto, 2015 | di Lisa Cecconi
Per chi suona la campana (1943)
Film History
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

SPECIALE CENT’ANNI DI INGRID BERGMAN
Non chiedere mai per chi suona la campana, essa suona per te
“Sarei stata un buon uomo, ma sono tutta donna. E tutta brutta”. In effetti la coraggiosa Pilar, con il volto indurito e i capelli scarmigliati, non ha niente dell’angelico allure della sua giovane protetta Maria. Quando la interpreta in Per chi suona la campana, Ingrid Bergman è già la diva acqua e sapone che David O. Selznick ha fortemente voluto per Hollywood, promettendole carta bianca su partner e copioni.

Un privilegio concesso a poche, come quello di conservare un look il più possibile simile a se stessa: chiaro omaggio ad un carisma che andava ben oltre la delicata perfezione. Nel film tratto dal romanzo di Hemingway le spetta la parte della protagonista, apparentemente fragile e spezzata dalla vita, eppure capace di guardare avanti, come nel celebre manifesto che la ritrae con Gary Cooper.mediacritica_per_chi_suona_la_campana_1 Una ragazza spagnola sottratta alle barbarie dell’esercito franchista e nascosta tra le montagne insieme ai compagni partigiani. E, per quanto la sua bellezza nordica c’entri ben poco con i tratti ispanici, l’innocenza tragica di quel volto sembra esprimere da sola tutta l’atrocità di un’identità violata. Maria è l’agnello sacrificato all’altare della guerra: tutto quanto di bello e sincero è calpestato e distrutto dall’efferatezza umana. In un film che non insiste sui retroscena più cruenti del romanzo e limita allo spazio di due racconti la violenza reciproca delle fazioni, la Maria di Ingrid Bergman ne incarna il dramma. I suoi capelli tagliati corti diventano allora feticcio e memento, correlativo oggettivo di una libertà duramente riconquistata: ferita, umiliata, ma pronta a rinascere per crescere di nuovo. Libertà che evoca quella della Repubblica e che, sul piano individuale, Maria offre a Robert con un atto di scelta, un dono dettato dall’amore e non più costretto dalla forza. Nell’arco breve della loro storia si riflette la Storia di una Nazione o, come Robert spiega ai ribelli con il paternalismo da acculturato “Inglés”, la Storia stessa di un ideale contro le dittature che vogliono annientarlo. Ma in un film dove non manca l’impegno scenico, come l’esplosione spettacolare del ponte, Sam Wood si concentra soprattutto sugli uomini, sulla guerriglia di chi combatte ogni giorno, che poco ne sa dei massimi sistemi ma lotta per la libertà del proprio popolo e per quella dei propri cari. Perché di persone è fatta la guerra e su di loro si riversa con la sua ferocia, mentre le distanze tra lo sparuto gruppo, rinchiuso nella grotta o affondato nella neve, e un centro di comando lontano e invisibile danno la misura della sproporzione tra chi vive e muore in prima linea e chi decide dall’alto sulle vite altrui. Una lezione che Robert l’Inglés apprenderà sulla propria pelle, a dispetto del suo status di insegnante e di straniero civilizzato. “Non morire”, si impone alla fine,“pensa all’America. Non serve. Pensa a Madrid. Non serve. Pensa… a Maria. Ecco, sì.”

Per chi suona la campana [For Whom the Bell Tolls, USA 1943] REGIA Sam Wood.
CAST Ingrid Bergman, Gary Cooper, Katina Paxinou, Akim Tamiroff, Fortunio Bonanova.
SCENEGGIATURA Dudley Nichols (dal romanzo omonimo di Ernest Hemingway). FOTOGRAFIA Ray Rennahan. MUSICHE Victor Young.
Drammatico, durata 156 minuti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly