adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Il processo (1962)

sabato 5 Dicembre, 2015 | di Massimo Padoin
Il processo (1962)
Film History
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

SPECIALE ORSON WELLES
Un uomo, e la sua giustizia
Se c’è uno scritto di Kafka che Orson Welles forse avrebbe potuto interpretare figurativamente alla perfezione, questo sarebbe potuto essere America. Perché? Perché i suoi virtuosismi fotografici e le proporzioni alterate di figure umane in ambienti macroscopici ripresi grandagolarmente ben si sposerebbero con le vicende del giovane Karl Rossman – migrante praghese appena sbarcato nel continente americano – nelle quali indirettamente attraverso la scrittura di Kafka tutto appare così sproporzionato e gigantesco: è il punto di vista di chi osserva da lontano la grandezza di un nuovo mondo, che l’Europa sta imparando a conoscere, nella sua fama di Paese senza misura, territorialmente, architettonicamente e nell’ambizione culturale ed economica.

Welles trasporrà invece Il processo, ma i suoi virtuosismi fotografici trovano lo stesso scopo nella rappresentazione della disgraziata e surreale disavventura di Joseph K.. Una lenta ma decisa spersonalizzazione dell’individuo, già disperso esistenzialmente all’interno di una massa che lo priva d’identità, prima ancora che il tribunale inizi il suo misterioso iter. mediacritica_il_processo_290Girando tra la Jugoslavia, Parigi e Roma, Welles interpreta il vuoto d’identità immergendo il suo Joseph K. (ben più sfrontato e cosciente di quello kafkiano) in spazi enormi dai soffitti alti e corridoi infiniti esaltatati dalla profondità di campo, in un equilibrio che affastella il desolante vuoto di palazzoni isolati e il pieno contrastante di persone tutte uguali messe una di fianco all’altra a compiere lo stesso compito, prive di personalità e identità. Registicamente e fotograficamente, Il processo è immaginifico, accosta due poli che rimpiccioliscono metaforicamente la figura umana all’interno di uno spazio che toglie peso ad essa, ma allo stesso tempo i volti dei personaggi non ne risentono in proporzione, apparendo sempre incisi nell’immagine e in primo piano, in un rapporto simbiotico e letteralmente ossimorico tra pieno e vuoto, tra l’assenza nella presenza. Welles interpreta così la vicenda paradossale di Joseph K., messo sotto processo per un capo d’accusa che non conoscerà mai e che lo porterà a cercare di difendersi dalla misteriosa macchina della giustizia, senza essere in grado di sapere le cause. Ma più in generale Il processo di Welles interpreta cinematograficamente la paradossale narrativa e le indefinibili situazioni kafkiane in questo vuoto angosciante perché illusoriamente pieno. Con tutti i limiti del caso, la pellicola dà una specifica interpretazione, a differenza del testo originario che invece non ha confini significativi. Welles ha il più grande merito di non cercare a tutti i costi l’effetto onirico, ma di mettere in scena questo contraddittorio figurativo non solo tramite la spersonalizzazione dell’uomo-massa, ma anche attraverso l’impossibile interpretazione cinematografica dell’allegoria vuota kafkiana.

Il processo [Le proces, Francia/Germania/Jugoslavia/Italia 1962] REGIA Orson Welles.
CAST Anthony Perkins, Jeanne Moreau, Orson Welles, Romy Schneider.
SCENEGGIATURA Orson Welles (tratta dal romanzo Il processo di Franz Kafka). FOTOGRAFIA Edmond Richmond. MUSICHE Jean Ledrut.
Drammatico, durata 120 minuti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly