adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Under the Sun

mercoledì 27 Gennaio, 2016 | di Filippo Zoratti
Under the Sun
Festival
2
Facebooktwittermail
Voto autore:

27° Trieste Film Festival – Alpe Adria Cinema, 22 – 30 gennaio 2016, Trieste

Shiny (un)happy people
Come ogni buon mistero che si rispetti, il “neorealismo nordcoreano” è e sempre sarà uno di quei miti capaci di produrre fantasie da distopia sci-fi, leggende che sembrano soggetti di film dell’orrore o scalette di programmi tv alla Voyager.

Dalla Repubblica Popolare asiatica non trapela e non arriva quasi nulla: da un lato solo i deliranti diktat dell’agenzia di stampa statale – atti a spaventare il nemico capitalista – e dall’altro le briciole di chi, per qualche motivo, in Corea del Nord c’è davvero stato. Anche in questo caso, le possibilità sono due, perché perlopiù si tratta o di fuggitivi che rinnegano il proprio luogo di nascita narrando di epiche fughe (ci viene in mente il recente The Defector, distribuito in Italia dalla rivista Internazionale) o di turisti che per lavoro/piacere raccontano la realtà “di plastica” del totalitarismo retto da Kim Jong-un (come fa Guy Delisle nella sua graphic novel Pyongyang).mediacritica_under_the_sun_290 Per quanto necessarie e fondanti, queste testimonianze non possono che essere parziali, filtrate cioè da una interpretazione dell’accaduto. Per questo il lavoro svolto dal documentarista russo Vitalij Manskij con Under the Sun non è solo importante, è unico. Al regista è stato infatti concesso dalle autorità coreane il permesso di girare per un anno nella capitale, per ritrarre la vita di una famiglia media nel momento in cui la giovane Zin-mi si prepara ad entrare nei Giovani Pionieri (sorta di passaggio alla vita adulta). Il risultato è agghiacciante, martellante, intossicante. Mantenendo una umanissima e asettica distanza, Manskij sfonda la quarta parete e offre ai nostri occhi una duplice chiave di lettura. Se di primo acchito è lecito soffermarsi sui bizzarri rituali della ginnastica ritmica del popolo, dell’inchino dei ragazzi davanti all’effige di Kim Jong-il e della feroce coazione a ripetere con cui i maestri inculcano l’eroismo dei Supremi Leader nelle teste dei bambini, è ad un secondo livello – dapprima solo suggerito, poi ampiamente mostrato – che si svela il trucco: tutto il girato è una messinscena ricreata ad hoc dai funzionari del governo, tutto ciò che vediamo è un posticcio Truman Show che vorrebbe mostrare la vita ideale di un Paese ideale. La verità si fa strada negli elementi di contorno, rimarcata da una regia frontale e impietosa: i sorrisi forzati ed esasperati degli adulti si riflettono negli zoom dei loro sguardi spenti, spaventati, disillusi; l’entusiasmo e la vitalità della piccola protagonista Zin-mi muore in un pianto a dirotto nel momento in cui le viene chiesto cosa si aspetti dalla vita. Tutto il senso di Under the Sun, in fondo, è lì: nella fulminea, lucida e infelice presa di coscienza di una bimba di 8 anni, la cui esistenza è già dolorosamente destinata a diventare ingranaggio ideologico di regime.

Under the Sun [V Lucach Solnca, Russia/Germania/Repubblica Ceca/Lettonia/Corea del Nord 2015] REGIA Vitalij Manskij.
SOGGETTO Vitalij Manskij. FOTOGRAFIA Aleksandra Ivanova, Michail Gorobcuk. MUSICHE Karlis Ausans.
Documentario, durata 106 minuti.

2 Comments

  1. Flosh says:

    Lo voglio troppo vedere…lo distribuiranno prima o poi, che voi sappiate?

  2. Mr. Arkadin says:

    Quello che so io è che sta facendo e continuerà a fare il giro dei festival… Più che in sala (a meno che non ci pensi come sempre l’Internazionale) probabile si trovi tra qualche mese in dvd!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly