adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

L’ultima parola – La vera storia di Dalton Trumbo

sabato 13 Febbraio, 2016 | di Juri Saitta
L’ultima parola – La vera storia di Dalton Trumbo
In sala
1
Facebooktwittermail
Voto autore:

SPECIALE DALTON TRUMBO
Il Trumbo banalizzato
Il maccartismo è stato certamente uno dei periodici storici recenti più cupi degli Stati Uniti. Infatti, per un Paese che si autodefinisce come la Patria della libertà, aver perseguitato i propri cittadini per le loro idee politiche è una contraddizione e una vergogna da ricordare e analizzare con coscienza critica. Una pagina nera che ha coinvolto anche il cinema e che Hollywood ha raccontato con film dal chiaro impegno civile, come Il prestanome di Martin Ritt e Good Night, and Good Luck. di George Clooney.

Anni bui affrontati anche da L’ultima parola – La vera storia di Dalton Trumbo di Jay Roach. L’opera si svolge tra la fine degli anni ’40 e gli anni ’50, quando il famoso sceneggiatore venne inserito nella lista nera di Hollywood perché sospettato di comunismo.mediacritica_ultima_parola_vera_storia_di_dalton_trumbo_290 Le conseguenze furono drammatiche: l’uomo venne licenziato, arrestato e, in seguito, costretto a lavorare sotto pseudonimo per film serie C. Questo almeno fino all’incontro con Kirk Douglas e Otto Preminger. Nonostante il soggetto forte e potenzialmente molto politico, il lavoro di Roach non s’inserisce nel cinema civile dei Ritt e dei Clooney, ma risulta invece un classico e convenzionale biopic. Infatti la pellicola – come altre dello stesso genere – punta su una narrazione che unisce la sfera pubblica a quella privata (qui vi è il rapporto complesso ma complice di Trumbo con la moglie e la figlia primogenita), su una ricostruzione storica un po’ laccata ma riuscita e, soprattutto, sulle buone performance dei protagonisti. Il tutto scritto e messo in scena senza phatos né particolari guizzi, senza retorica ma anche senza idee o particolari riflessioni (se non nella descrizione del differente approccio politico tra Trumbo e Arlen Hird, altro sceneggiatore inserito nelle liste nere). Risulta dunque evidente che l’autore non prende alcun rischio e si limita piuttosto a raccontare e illustrare una storia in modo “corretto” e scorrevole, realizzando un film piano e lineare, nel quale non ci sono né momenti bassi né punte alte. Il risultato è a tratti piacevole, ma nel complesso piatto e anonimo, forse un po’ televisivo, senza infamia e senza lode, e verrebbe da dire senza forza vitale, se non nelle sequenze con John Goodman, l’unico che riesce a sollevare l’opera dalla sua placidità. Un peccato, perché il robusto soggetto di partenza avrebbe meritato un approccio più energico, coraggioso e profondo di quello di Roach, che invece lo banalizza sviluppandolo in maniera convenzionale. Elementi che fanno di L’ultima parola un film magari di buona fattura e ben confezionato, ma comunque deludente. Fondamentalmente, un’occasione sprecata.

L’ultima parola – La vera storia di Dalton Trumbo [Trumbo, USA 2015] REGIA Jay Roach.
CAST Bryan Cranston, Diane Lane, Helen Mirren, Louis C.K., Elle Fanning, John Goodman.
SCENEGGIATURA John McNamara. FOTOGRAFIA Jim Denault. MUSICHE Theodore Shapiro.
Biografico, durata 124 minuti.

One Comment

  1. Sensei says:

    Chi l’avrebbe mai detto che avrebbero banalizzato e depotenziato un personaggio e una storia forte come quella di Dalton Trumbo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly