adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Io la conoscevo bene (1965)

domenica 13 Marzo, 2016 | di Eleonora Degrassi
Io la conoscevo bene (1965)
Speciale
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

SPECIALE BEHIND THE SCREEN
Lacrime di rimmel per una Roma crudele
“Il fatto è che le va tutto bene, è sempre contenta, non desidera mai niente, non invidia nessuno, è senza curiosità, non si sorprende mai, le umiliazioni non le sente. Le scivola tutto addosso, senza lasciare traccia”. Lei è Adriana Astarelli, protagonista di Io la conoscevo bene, film di Antonio Pietrangeli del 1965.

Il cineasta è per molti il regista delle donne perché in grado di raccontare meglio di altri, con sensibilità e delicatezza, il mondo femminile, e di mostrare l’Italia di quegli anni. Con Io la conoscevo bene Pietrangeli compie un’analisi antropologica del mondo dello spettacolo; mediacritica_io_la_conoscevo_bene_290per fare ciò intervista le piccole stelle del firmamento, capendone speranze, ma anche frustrazioni, infelicità e malinconie. Il risultato è la sprovveduta Adriana/Stefania Sandrelli, una come tante, donna nuova e indipendente, che dalla provincia arriva a Roma alla ricerca del successo. La capitale è bella come una femme fatale, tutta feste e divi, ma dietro la maschera nasconde una nauseante putrescenza che ammala i più deboli. Adriana, ingenua e vittima incolpevole della sua sorte, tenta la strada dello spettacolo. Gioisce del suo corpo, sodo e levigato, spesso scoperto, passa il tempo a conoscere persone, a frequentare corsi di dizione, a cercare la sua migliore versione per essere più fotogenica. È immersa in un mondo vuoto e crudele, in cui vaga come un fantasma, non trovando il suo posto. Una delle sequenze più terribili è quella del vecchio attore/Ugo Tognazzi che fa sfoggio – fino a sentirsi male – del suo cavallo di battaglia, un numero di tip tap. È un ambiente spietato e miserabile che umilia, sfrutta chi vi fa parte: pensiamo all’intervista di Adriana per la rubrica “volti nuovi”, montata per prendersi gioco di lei. Gli uomini vogliono l’aspirante stella, un bell’oggetto, un capriccio di uno sguardo brutale, la desiderano, o meglio bramano solo il suo corpo, usandola e poi abbandonandola. È proprio il maschio, sia il press agent/Nino Manfredi, sia l’intellettuale, sia il ragazzotto di provincia, a gettarla in un tunnel senza via d’uscita: il suo salto nel vuoto è il suo primo atto di autoderminazione. Dopo ogni storia fallita, ogni evento mondano è un po’ più infelice, e lei rimane più vuota, ancora sola – il suo sguardo triste nel nulla ne è testimone -, nella sua casa ad ascoltare il giradischi. Balla con le Kessler, emblema di una televisione tutta gambe e lustrini, e si commuove su Mani bucate, perché in quelle parole si ritrova. Pietrangeli attraverso lei mostra con tenerezza tutta una generazione di donne tradite, messe in ginocchio, in un mondo – quello dell’industria cinematografica – con cui l’autore non è mai andato d’accordo. Io la conoscevo bene è una marcia verso il nulla e verso la consapevolezza di sé, una poesia con un drammatico finale che accarezza un’ingenua piccola donna che non si può non amare.

Io la conoscevo bene [Italia 1965] REGIA Antonio Pietrangeli.
CAST Stefania Sandrelli, Mario Adorf, Jean-Claude Brialy, Nino Manfredi, Enrico Maria Salerno, Franco Nero.
SCENEGGIATURA Antonio Pietrangeli, Ruggero Maccari, Ettore Scola. FOTOGRAFIA Armando Nannuzzi. MUSICHE Piero Piccioni.
Drammatico, durata 111 minuti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly