adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Il gaucho (1964)

sabato 19 Marzo, 2016 | di Gabriele Baldaccini
Il gaucho (1964)
Speciale
2
Facebooktwittermail
Voto autore:

SPECIALE BEHIND THE SCREEN – II PARTE
Italiani d’Argentina
È lui il gaucho, Vittorio Gassman, il mandriano delle pampas di Cinecittà, nel ruolo di Marco Ravicchio, un addetto stampa energico e sveglio che spera di sistemare un po’ la sua vita – non troppo felice e piena di debiti – con un viaggio di lavoro nel quale dovrà dirigere una grottesca spedizione a Buenos Aires, giunta lì per presentare a un festival locale l’ultimo film di una piccola casa di produzione.

Un Gassman esplosivo, incontenibile, irrefrenabile sul quale Risi cuce perfettamente l’insostenibile leggerezza di un’esistenza che risente fortemente della consapevolezza di attraversare la fine del boom economico, i cosiddetti anni della congiuntura. Ma Il gaucho di Risi è un film strano, perché oltre a questo Gassman instancabile incastra una sequenza dietro l’altra con un ritmo che a tratti lascia senza fiato, mediacritica_gaucho_290con una nonchalance che induce quasi a voler dimostrare come la frenesia della vita stessa sia qualcosa di incontrollabile, ma che allo stesso tempo si immobilizza quando uno meno se lo aspetta, come nella sequenza bellissima dell’incontro tra i due amici Marco e Stefano (Nino Manfredi) che si ritrovano dopo molto tempo. E allora tutto sembra quasi incomprensibile; chi sta sullo schermo, chi fa cinema, vale, soffre, si emoziona allo stesso modo di chi quel mondo non l’ha mai vissuto, ma alla fine conta poco, perché è ugualmente infelice e povero. La commedia all’italiana, d’altronde, quando ci parla di quegli anni in particolare, riesce sempre a farlo con una lucidità unica, e anche se in questo caso qualche personaggio si rende a tratti troppo macchiettistico, la potenza espressiva dei singoli è sempre cesellata a dovere. Merito di Risi, che ha saputo ogni volta fotografare con perizia assoluta l’Italia della prima metà dei Sessanta e che in questa situazione specifica riesce a utilizzare lo spazio geografico argentino come se fosse un contenitore speculare a quello italiano, nel quale però ciò che risulta effettivamente immobile pare affermare un’innocenza e un’integrità molto più sincere di quelle del Bel Paese. Scrive Enrico Giacovelli, nel suo grandioso libro dedicato alla commedia all’italiana, che la presenza di Risi “non si sente mai, quasi che i film si girassero da soli; e tuttavia la macchina da presa è sempre nel punto giusto”. Proprio come in una delle inquadrature finali, nella quale Stefano, dopo aver salutato l’amico Marco che se ne ritorna in Italia, si avvia sconsolato rievocando la camminata sbilenca che i due erano soliti inscenare ai tempi dell’università. Un passo avanti, uno dopo l’altro, celebrando una gioventù breve e spensierata, unica portatrice di un po’ felicità.

Il gaucho [id., Italia/Argentina 1964] REGIA Dino Risi.
CAST Vittorio Gassman, Amedeo Nazzari, Silvana Pampanini, Nino Manfredi, Maria Grazia Buccella.
SCENEGGIATURA Ruggero Maccari, Tullio Pinelli, Dino Risi, Ettore Scola. FOTOGRAFIA Alfio Contini. MUSICHE Chico Novarro, Armando Trovajoli.
Commedia, durata 110 minuti.

2 Comments

  1. Kaiser Franz says:

    Giustissimo ciò che scrive Giacovelli, a proposito della trasparenza stilistica di Risi, che a mio parere, nei suoi film migliori, non ha nulla da invidiare ai grandi della commedia hollywoodiana.

  2. Edop. says:

    Non è il miglior Risi, né è parte del gruppo delle migliori commedie all’italiana, ma cresce nelle seconda parte, più amara ed incisiva.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly